lunedì, Luglio 22, 2024

Arte

La bellezza della Street Art

L’arte di strada nel progetto di The Wallà

Redazione TheBlackCoffee

Esperti nel settore della Scienza della Conservazione del Patrimonio dell’Università Ca’ Foscari Venezia siglano un accordo per lo studio e la conservazione dei murales del progetto The Wallà. L’obiettivo è salvaguardare le pitture murali: il deterioramento del tempo e degli agenti atmosferici rischia di cancellare centinaia di opere d’arte. “Le salveremo studiando la composizione e il comportamento dei prodotti usati dagli artisti”. Nuove linee di ricerca nel settore della diagnostica dei beni culturali.

La prima volta che se ne è parlato a livello mainstream è stato per le pitture murali di Keith Haring: il salvataggio delle opere dello street artist americano scomparso a 32 anni è stato affidato ad team di scienziati dell’Università di Pisa, la città dove dipinse il suo ultimo murale “Tuttomondo” sulla chiesa di Sant’Antonio Abate. 

Il tema è all’ordine del giorno oggi in Italia, dove si stima vi siano migliaia di artisti che operano a livello professionale nella street art, anche se solo qualche decina di loro è ai livelli di notorietà internazionale.

Un’impresa complicatissima. I dipinti murali contemporanei sono realizzati infatti con materiali commerciali di origine sintetica, scelti in base a considerazioni di natura artistica e non sempre per la loro durabilità; le conseguenze a volte sono evidenti, da variazioni cromatiche al distacco della pittura. La sfida è comprendere la composizione dei materiali utilizzati per un murales e sapere quali azioni conservative svolgere fin dalla sua origine o in fase di restauro del dipinto.

A Venezia, l’Università di Ca’ Foscari studia il fenomeno da una decina d’ anni con la professoressa  Francesca Izzo in prima linea. Il gruppo di “Scienze per la Conservazione del Patrimonio Culturale” per il quale lavora, promuove ricerche scientifiche sui materiali della street art, per studiarne la composizione e comprendere il loro comportamento nel tempo, nell’ottica di fornire linee guida per la salvaguardia e la conservazione di queste opere.

In apertura della quarta stagione del progetto “The Wallà” è stato siglato un protocollo di intesa che ha visto al tavolo l’associazione di promozione sociale Collettivo Bocaverta APS, che sta realizzando un borgo dedicato alla street art nella frazione di Vallà, il Comune di Riese Pio X, che sostiene e collabora al progetto e la stessa Ca’ Foscari.

L’idea è quella di inviare team di professionisti durante la realizzazione dei prossimi murales, programmata per l’estate. In tutto, si stima di realizzare quattro o cinque opere. Confermati gli artisti che saranno oggetto dei primi studi: Tellas e Pixel Pancho a giugno, Franco Fasoli a luglio, Joys e Orion a settembre. 

Murales di Alessandra Carloni per il progetto The Wallà

“The Wallà diventa così un progetto pilota non solo per la rigenerazione urbana, ma anche nell’ambito della conservazione e della salvaguardia delle opere murali all’aperto” – spiega Samuele Stocco, segretario del Collettivo Bocaverta APS. “Stiamo sperimentando quanto il tempo e le condizioni ambientali deteriorino la street art, per questo l’attuazione di buone pratiche conservative risulta necessaria ai fini del mantenimento dei murales realizzati”.

“Nell’ambito della collaborazione con The Wallà e il Comune di Riese Pio X eseguiremo delle campagne diagnostiche, anche coinvolgendo studentesse e studenti che si stanno formando per diventare esperti scientifici nell’ambito della Conservazione”, spiega Izzo. “L’obiettivo sarà studiare i materiali usati dagli artisti e valutare le strategie di conservazione e di manutenzione, che spesso sono anche utili dal punto di vista economico: costa meno difendere l’arte che non restaurarla quando fortemente degradata. Ne usciranno delle tesi di Laurea Magistrale in Conservation Science and Technology for Cultural Heritage” e nella triennale di “Scienze e tecnologie per i beni culturali”: studieremo i meccanismi chimici e fisici di degrado e valuteremo soluzioni. Salvaguardare i murales sarà sempre più necessario nel futuro, vogliamo formare la generazione di conservation scientist che salverà la street art dall’oblio del tempo”.

Il cantiere a cielo aperto dove sarà portato a termine il progetto è la frazione riesina. A Vallà vivono tremila persone, vi passa una strada attraversata da trenta mila veicoli al giorno e sui muri del Paese negli ultimi quattro anni ha visto la realizzazione di 17 murales, tra di loro anche due imponenti progetti collettivi – mille persone hanno scritto la storia di Pinocchio, decine di poeti hanno scritto la loro poesia sui muri di recinzione di un edificio lungo la strada.

Negli ultimi quattro anni migliaia di turisti hanno camminato per le sue vie, per meravigliarsi della bellezza della street art: tra le opere più apprezzate, quelle di artisti di livello internazionale come EricailCane, Stenlex, Millo e Agostino Iacurci.

Un ottimo risultato anche per l’amministrazione comunale di Riese Pio X, che ha sostenuto il progetto fin dall’inizio. In questi anni il Comune ha infatti supportato convintamente il progetto The Wallà: la convenzione con Ca’ Foscari rappresenta un ulteriore tassello a dimostrazione della sua bontà e del suo ampio respiro  e di come un investimento culturale sia sempre e soprattutto un investimento sociale ed economico.

The Wallà è un progetto di rigenerazione urbana partecipata iniziato a maggio 2021 su iniziativa dell’associazione di promozione sociale “Collettivo BocaVerta APS”, in collaborazione con il Comune di Riese Pio X e con il patrocinio della Regione Veneto e della Provincia di Treviso. Il nome unisce in un gioco di parole il termine inglese wall (muro) e il paese in cui ha luogo l’iniziativa, Vallà (frazione di Riese Pio X, nel Trevigiano).

Attraverso il linguaggio della street art si vuole migliorare aree di degrado urbano e creare opportunità culturali ed economiche per il territorio, valorizzando gli immobili oggetto degli interventi degli artisti. The Wallà si propone di trasformare i muri di edifici pubblici e privati in tele per un museo permanente a cielo aperto.

Ad oggi sono state realizzate 17 opere in totale: 13 su pareti private (case, capannoni) e 4 su superfici pubbliche (scuola elementare, campo da basket e da pallavolo), e l’iniziativa è in continua espansione. Ogni opera in media supera i 60 metri quadri, si stima che ad oggi siano stati riqualificati oltre mille metri quadri di pareti. Tra gli altri, hanno partecipato al progetto artisti di fama internazionale come Ericailcane, Kraser, Zed1, Zentequerente, Tony Gallo, Vera Bugatti, Alessandra Carloni, Bastardilla, Agostino Iacurci e StenLex.

Sabato, 15 giugno 2024 – n°24/2024

In copertina: “Tre Grazie” – Antonio Canova (1812 -1817) , nella versione street art di Kraser per il progetto The Wallà

Condividi su: