martedì, Maggio 17, 2022

Notizie in breve

Vita e morte da internazionalisti

redazione di TheBlackCoffee

Entro la guerra russo-ucraina si sono indirizzati molti internazionalisti da tutto il mondo, in particolar modo in aiuto di difesa alla popolazione ucraina, ma pure contro l’esercito russo, con affiliazione alle milizie di ultra destra che risiedono già in loco.

Ma poiché il mondo è vasto ed ogni persona ha una precisa concezione di stile di vita e di ideali, non mancano neanche persone straniere partite a sostegno dei russofoni in Donbass, che anche prima dello scoppio vero e proprio della guerra hanno subito numerosi anni di angherie e soprusi da parte delle militanze ucraine.

E’ questo il caso di Edy Ongaro, un quarantaseienne italiano della provincia di Venezia, partito alla volta delle aree separatiste filorusse. L’uomo era già militante in una brigata locale fin dal 2015, lotta che condivideva in ricordo delle violenze subite dalla sua famiglia durante il Fascismo.

Secondo le poche informazioni, l’uomo avrebbe perso la vita al confine nord della regione di Donetsk mentre si trovava in una trincea assieme ad altri soldati a causa di una bomba a mano lanciata dalla fazione nemica.

Sabato, 2 aprile 2022 – n° 14/2022

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi