giovedì, Dicembre 08, 2022

Notizie in breve

Droni turchi bombardano un’area turistica in Iraq del nord

redazione di TheBlackCoffee

In tutto l’Iraq si sollevano proteste contro la Turchia che ha bombardato nel villaggio di Perex, vicino alla città di Dohuk, nel Kurdistan meridionale (Nord Iraq) – una area collinare dove molte famiglie curde, arabe ed irachene si recano in vacanza in estate per sfuggire alle alte temperature – uccidendo almeno 10 turisti e ferendone 26.

Nonostante la regione sia quella curdo-irachena, moltissimi sono gli iracheni che frequentano quel territorio dalle città più vicine – ricco di torrenti dove fare il bagno – anche solo per un pic-nic.

Le persone che hanno perso la vita erano turisti provenienti dalle regioni centrali e meridionali dell’Iraq, tra cui una coppia di giovani sposi in viaggio di nozze.

Il villaggio di Perex è stato preso di mira dall’artiglieria di mortai e obici per la terza volta nel mese di luglio, in totale violazione del diritto internazionale.

Nell’ultimo anno la Turchia ha molto intensificato gli attacchi contro l’Iraq e la Siria, dove si continua a uccidere civili in entrambi i Paesi.

Dopo l’accordo entro la Nato – con Svezia e Finlandia – per la persecuzione dei curdi dissidenti, è atteso un nuovo attacco armato turco di grandi proporzioni nell’area della Siria di Nord- Est.

L’area del bombardamento

Il Congresso nazionale del Kurdistan (KNK) ha rilasciato una dichiarazione sull’attacco mortale , sostenendo di aver avvertito reiteratamente la comunità internazionale che le operazioni dello Stato turco nell’area sono causa di instabilità e distruzione. L’esercito turco utilizza anche armi chimiche nelle sue operazioni, mentre la mancanza di risposte da parte di organizzazioni e Stati internazionali incoraggiano la Turchia a compiere continui massacri nella regione.

La Turchia nega – come al solito – ogni responsabilità del bombardamento sui civili, alludendo come giustificazione ai guerriglieri del PKK.

Al contrario, il governo di Baghdad – in un moto di orgoglio perché uccisi suoi cittadini, là dove normalmente tace ai soprusi bellici della Turchia sulla regione autonoma curdo-irachena – ha comunicato che porterà il caso all’UNSC – Consiglio di Sicurezza delle nazioni Unite – e potrebbe votare delle sanzioni economiche per Paese guidato da Erdoğan.

Il bombardamento turco sui turisti a Perex – Video divulgato da YPG press

Sabato, 23 luglio 2022 – n° 30/2022

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi