martedì, Giugno 28, 2022

Notizie in breve

Scuola: tra Green pass e inagibilità

redazione TheBlackCoffee

Mentre si cercano le soluzioni ottimali per riaprire l’anno scolastico con le lezioni in presenza, e si discute sulla legittimità di obbligare gli insegnanti alla vaccinazione anti-Covid, il Censis denuncia ancora una volta lo stato degradato degli edifici scolastici italiani.

Il Presidente del Censis, Giuseppe De Rita, riporta che una scuola su due non ha il certificato di agibilità, condizione che riflette leggerezza e mancanze gravi da parte dell’apparato statale, che nel 2020 con l’avvento della pandemia ha palesemente esposto tutti i suoi limiti. Nel rapporto Censis-scuola di marzo 2021 – breve ed incisivo – si evidenzia anche il rapporto che lentamente è andato a diminuire tra scuola e società, creando una grave confusione, oltre a non essere più stato aggiornato il metodo di insegnamento, divenuto per lo più anacronistico.

Tra le condizioni in cui versa la scuola poste all’attenzione nel rapporto si possono leggere molti spunti interessanti: “Guardiamoci intorno e domandiamoci: quel che è stato fatto bastava certo per la società italiana fino agli anni ’80, ma dopo? Oggi abbiamo bisogno di una popolazione che conosca le lingue straniere, che sappia usare le tecnologie più complesse, che sviluppi una cultura digitale, che non veda la professionalizzazione come un’acquisizione eterna, ma sappia capire l’esigenza di continua innovazione dei saperi e delle competenze. E la scuola non è riuscita, se non maldestramente, a rincorrere la nuova domanda di formazione”.

Sabato, 28 agosto 2021 – n° 31/2021

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi