venerdì, Settembre 30, 2022

Notizie in breve

La siccità del deserto siriano fa vittime tra i cammelli

redazione TheBlackCoffee

Dovuto al cambiamento climatico e conseguentemente ad una stagione estiva particolarmente calda, circa 400 chilometri quadrati a cavallo tra Iraq e Siria non hanno generato abbastanza raccolti per le tante famiglie di agricoltori che vi risiedono. Ad ovest di Raqqa – in Siria – una tribù beduina di allevatori di cammelli denuncia anche la morte di alcuni cuccioli dei loro animali, tra i pochi resilienti a sopravvivere nei deserti. La morte dei piccoli – di circa un anno – è avvenuta per denutrizione a causa di mancanza di vegetazione.

Quest’anno la metà delle cammelle gravide – riportato da un pastore del luogo – ha abortito spontaneamente per mancanza di cibo. Inoltre, le madri piangono la perdita del figlio come fanno gli esseri umani con lamenti strazianti.

Il problema della denutrizione non è relativa solo ai cammelli, ma colpisce anche la popolazione del villaggio di circa 500 abitanti, che teme di scomparire insieme ai loro pascoli.

Sabato, 4 dicembre 2021 – n° 45/2021

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi