sabato, Gennaio 28, 2023

Notizie in breve

I padroni dell’industria alimentare

redazione di TheBlacKCoffee

Secondo il report di ETC group, un piccolo collettivo internazionale di ricerca e azione
impegnato per la giustizia sociale e ambientale, i diritti umani e la difesa di sistemi agroalimentari giusti ed ecologici e la rete di vita, il 2020 è stato un anno orribile per la sicurezza alimentare e la salute, ma una miniera d’oro per Big Food e Big Ag – il cartello delle grandi industrie agricole.

Nel bel mezzo di una pandemia globale – combinata con shock climatici, il blocco della catena di approvvigionamento, picchi di prezzo, aumento della fame, carenza di cibo ed energia, conflitti civili, violenza razziale e guerre – questi baroni del cibo hanno sfruttato al massimo le crisi convergenti per stringere la loro presa su ogni anello della catena alimentare industriale. In tal modo, minano i diritti dei contadini, dei piccoli proprietari, dei pescatori e dei pastori a produrre cibo per le proprie comunità e molte altre.

I baroni del cibo sfruttano i lavoratori, avvelenano il suolo e l’acqua, diminuiscono la biodiversità, impediscono la giustizia climatica e perpetuano un sistema alimentare strutturato sull’ingiustizia razziale ed economica.

Nel 2020, con l’evolversi della pandemia di Covid-19, i lockdown, la concentrazione dei mercati, le interruzioni logistiche e la diffusione della crisi sanitaria si sono combinati per aumentare la fame e l’insicurezza alimentare, con quasi il 12% della popolazione mondiale – ovvero 928 milioni di persone – gravemente insicura.

Il cambiamento climatico è diventato più apocalittico: incendi in Australia; grave siccità nel cono meridionale dell’America Latina; inondazioni paralizzanti e piaghe di locuste nell’Africa sub-sahariana – con aggravamento della fame e della miseria.

L’estrema volatilità e l’incredibile disuguaglianza economica sono ora diventate caratteristiche distintive dei mercati alimentari e agricoli globali, con impatti asimmetrici: nonostante l’insicurezza alimentare globale, i prezzi del cibo e la fame sono aumentati vertiginosamente e Big Food e Big Ag hanno registrato profitti da record.

Allo stesso tempo, la pandemia di Covid-19 ha brutalmente smascherato l’estrema vulnerabilità di un sistema alimentare altamente centralizzato e industrializzato che sfrutta i lavoratori e fa affidamento su catene di approvvigionamento globali “just-in-time”, non trasparenti e suscettibili di interruzioni e corruzione . La concentrazione aziendale è un motore fondamentale di questi e altri fallimenti, in ogni anello della catena alimentare industriale.

Quando a una manciata di aziende gigantesche viene consentito di dominare in mercati non competitivi e con poca supervisione normativa, queste possono usare e usano il loro potere di mercato per eliminare i concorrenti, aumentare i prezzi, dirottare l’agenda di ricerca e sviluppo, monopolizzare le tecnologie (anche quelle imperfette e inefficaci) e massimizzare i profitti.
Oggi, tra la sempre crescente concentrazione aziendale e la regolamentazione antitrust anemica, alcune delle più grandi aziende del mondo stanno usando l’ingorgo della catena di approvvigionamento e l’inflazione indotti dalla pandemia come scusa per aumentare i prezzi: una pratica nota come “affarismo di crisi”.

Sabato, 10 dicembre 2022 – n° 50/2022

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi