domenica, Novembre 27, 2022

Cultura, Teatro & Spettacolo

Dante Beyond Borders

Prima nazionale al Festival internazionale PerformAzioni 2022

di Laura Sestini

Alla sua epoca il sommo maestro Dante Alighieri (1265 – 1321) aveva dovuto varcare spesso i confini della sua bella ed animata Florentia, come ‘punizione’ alle sue idee e scontri politici e dei relativi esili.

In tempi molti più contemporanei, barriere geografiche ed umane sono state poste innaturalmente a causa della pandemia che ha sconquassato la Terra per due lunghi anni. Altri ne verranno forse in futuro.

Eppure l’essere umano è un soggetto ‘sociale’, e nonostante tutti gli ostacoli e le barriere che possono arginare la naturalezza dello “stare insieme”, trova degli espedienti per mantenere i legami affettivi e di amicizia, ad ogni tempo con i mezzi ‘tecnologici’ a disposizione.

Se la pandemia ha tranciato di netto le nostre abitudini, catapultandoci improvvisamente in un mondo personale e globale tutto da rivedere, altrettanto è vero che chi non si è lasciato spiazzare da questo ‘strano’ segmento di vita, ha davvero trovato vie alternative fino ad allora mai contemplate per le proprie attività professionali o relazionali.

Con l’ampliamento di una modalità di lavoro virtuale già utilizzata ante-pandemia, la Compagnia teatrale bolognese Instabili Vaganti di Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola, ha ancor più sviluppato l’attività teatrale a distanza con altri attori e performer sparsi ai quattro poli del mondo. Il contesto storico non dava altre scelte, anzi ha sollevato ulteriori interrogativi sulla possibilità di fruire il teatro via video, oppure se questo fosse solo considerato tale in presenza. Insomma, da una criticità di lavoro ‘tradizionale’, in presenza, sono state elaborate differenti forme e teorie di performing teatrale.

Nasce così – in occasione del 700esimo anno dalla scomparsa di Dante Alighieri – il lavoro di teatro-danza Dante Beyond Borders – prima divulgato con alcune scene in video e, infine (finalmente!) in presenza fisica con la prima nazionale al Teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno in provincia di Bologna, nell’ambito del PerformAzioni International Performing Arts Festival2022 – edizione dal titolo The circle in expansion – anch’esso organizzato dalla Compagnia.

“Dante Beyond Borders” rientra in un progetto lungo tre anni – Beyond Borders – che ha vinto il Bando Boarding Pass Plus del Ministero Italiano della Cultura e trova in scena il drammaturgo e performer Nicola Pianzola e la danzatrice indiana Anuradha Venkataraman che si esibisce con i movimenti della danza tradizionale Bharatanatyam.

Una scena di Dante Beyond Borders
Foto: Anton Likht & Sonia Giudici (tutti i diritti riservati)

Alzato il sipario (immaginario), echeggiano per primi i versi del sommo Poeta…. Nel mezzo del cammin di nostra vita / mi ritrovai per una selva oscura / ché la diritta via era smarrita – incipit del primo canto dell’Inferno dantesco.

Poi, i rarefatti testi drammaturgici saranno tutti espressi in lingua inglese, sommessi, talvolta volutamente poco comprensibili da un audio quasi impercettibile.

E’ vero, le parole non servono in Dante Beyond Borders, le coreografie e le espressioni dei performer sono eloquenti più di un qualsiasi testo.

Le immagini video proiettate sul telo a metà palco, che fungono anche da scenografie intercambiabili e sovrapponibili, da velato nascondiglio o indispensabili scene eteree, si intrecciano con la presente fisicità dei due attori-danzatori e le sequenze teatrali elaborate di Dante Beyond Borders nei mesi passati – e conservate digitalmente – quando era ancora vietato viaggiare ed incontrarsi.

Una moltitudine multimediale di immagini e movimenti passano davanti agli occhi degli spettatori: queste possono disorientare ed insinuare un senso di vertigine. E’ forse un’allusione ai momenti recenti della storia od anche all’ingombrante e belligerante presente? L’Inferno di Dante si può interpretare e trasferire in qualsiasi epoca, ognuna ha avuto i suoi labirinti mentali e geopolitici.

D’altronde anche Dante aveva smarrito la sua via, una volta varcato le porte dell’Inferno, ritrovata solo con l’apparizione di Caronte che trasporta con la sua barca le anime dei morti attraverso il fiume Acheronte e che, come una moderna guida turistica, mostra al viaggiatore Dante il panorama dei gironi e dei colpevoli.

Lo spettacolo esibisce le sofferenze dell’umanità, l’Inferno, dogma religioso o ambiente simbolico dell’esistenza umana; al contrario le scene teatrali e coreutiche, dal punto di vista artistico e performativo, sono al contrario armoniche ed allo stesso tempo di forte impatto emozionale. Potenti. I colori scuri del travaglio umano, il rosso scarlatto della passione, si uniscono mirabilmente ai brani musicali appositamente composti da Riccardo Nanni.

Una performance di teatro-danza carica di messaggi e significati: un’opera che raggiunge la maturità, la pienezza. L’impronta a firma Instabili Vaganti ben si riconosce e sarà per lo spessore della tematica che si cerca di indagare, il messaggio educativo intrinseco dell’arte teatrale sembra più schietto, più diretto di sempre.

Per approfondire: https://www.theblackcoffee.eu/dante-beyond-borders-giunge-in-india/

______________________________________

Prima nazionale – Lo spettacolo è andato in scena al Teatro ‘Laura Betti’ di Casalecchio di Reno (BO), il 17 settembre alle ore 21,00, in ambito del PerformAzioni International Performing Arts Festival 2022

Dante Beyond Borders

Spettacolo di Teatro Danza

Co-produzione Italia – India
Instabili Vaganti & Anuradha Venkataraman

Regia Anna Dora Dorno
Drammaturgia Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola, 
Performer Nicola Pianzola, Anuradha Venkataraman
Coreografie Anuradha Venkataraman, Nicola Pianzola
Performer in video, canti originali e voce fuori campo Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola, Anuradha Venkataraman
Musiche originali e sound design Riccardo Nanni
Creazione video Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola, Ashwin Iyer
Set e Light design Anna Dora Dorno
Direzione tecnica e luci Mattia Bagnoli
Produzione Istituto Italiano di cultura di Mumbai / Instabili Vaganti / Ahum Trust

Il progetto  Beyond Borders è diretto da Instabili Vaganti con la collaborazione di Arboreto Teatro Dimora, La MaMa Umbria International, ATER Fondazione, e di una vasta rete di partner esteri tra cui La Mama di New York, il festival Cross Currents di Washington DC, I festival FINTDAZ e FITICH in Cile, l’Hornbill Festival e Ahum Trust, in India, Ker Theatre in Senegal.

Sabato, 24 settembre 2022 – n° 39/2022

In copertina: una scena di Dante Beyond Borders – Foto: Anton Likht & Sonia Giudici (tutti i diritti riservati)

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi