martedì, Luglio 23, 2024

Teatro & Spettacolo

Carmen – un’opera che commuove l’anima e ruba la mente

Georges Bizet ispirato da una novella popolare

di CafeArte – Traduzione di Katya Libyahovska

La “Carmen” è un’opera scritta nel 1874 dai compositori francesi Georges Bizet, Henri Méliac e Louis Halévy; basato su un’idea dell’omonima novella “Carmen”, molto popolare all’epoca – scritta nel 1845 dal drammaturgo francese Prosper Mérimée.

Carmen è un’opera appassionata e indimenticabile in quattro atti con due personaggi principali, molto esagerati, vale a dire Carmen e il suo amante disamorato, Don José.

Don José, un soldato prudente che ha la sfortuna di incontrare e innamorarsi di Carmen. Un uomo onesto, modesto, devoto alla famiglia e alla campagna, che nella sua ricerca della felicità, immerso in un sogno, cancella con un colpo il suo credibile percorso prestabilito e perisce.

Don José, un povero soldato, ha seguito disinteressatamente e ingenuamente i desideri del suo cuore, voltando le spalle al servizio e all’amicizia, solo per la gioia di essere tra le braccia della sua amata – la più desiderata di tutte le desiderate, la più bella di tutta la bella – Carmen! Carmen!

La Madonna peccatrice ha scelto irrevocabilmente il suo destino e i suoi ideali. Meglio morire che soffrire! Costante nel cuore, Carmen percorre un sentiero senza compromessi verso il vero amore devoto e niente più.

“Carmen” – un’opera che commuove l’anima e ruba la mente.

Célestine Galli-Marié nel ruolo di Carmen – 1875
Foto: Paul Nadar

Un po’ di storia….

Anche prima di finire la sua opera La bella fanciulla di Perth (1867), Bizet vi vide alcuni difetti. “È un’opera spettacolare – scrisse al momento della sua creazione – ma non ci sono personaggi definiti in essa.”

Il mediocre successo che ebbe l’opera lo rattristò, ma non diminuì la sua passione per la creatività. «Supererò la crisi» – disse Bizet. Il momento era difficile per la Francia, e la guerra franco-prussiana in atto spinge il compositore a creare diverse opere a tema patriottico, tra cui la suite sinfonica “Patria”. Anche “Djamileh”, tratta dal poema orientale Namouna, aveva ricevuto una tiepida accoglienza nonostante le sue elevate qualità. Il primo successo di pubblico di Bizet fu la musica per L’Arlesiano, la cui scrittura gli fu commissionata da Léon Carvalho, nuovo direttore del Teatro Lirico di Vaudeville. Nel 1874, Georges Bizet, alla ricerca di una trama per una nuova opera, si sofferma sulla famosa novella “Carmen” dello scrittore francese Prosper Mérimée (1803–1870), scritta nel 1845. Henri Méliac (1831–1897) era impegnato nella creazione del libretto con Louis Halévy (1834–1908), autore di molti dei testi delle operette di Offenbach, tra cui “La bella Elena”, “Vita parigina”, “Pericola” e altri.

Il libretto, scritto completamente secondo i requisiti della drammaturgia teatrale, è una base meravigliosa per creare un’opera lirica. Molte cose della novella di Mérimée sono state sostanzialmente alterate, specialmente i due personaggi principali. José, l’eroe duro e romantico la cui coscienza pesa anche sui crimini, è presentato come un ragazzo di campagna onesto che non può resistere al suo amore distruttivo. I tratti negativi di Carmen del romanzo sono stati rimossi e nell’opera la sua immagine è l’incarnazione della bellezza e dell’amore femminili, dello spirito amante della libertà. Il personaggio secondario del romanzo, Escamillo, è dato come un’immagine eroica contrastante di Don José.

Rispetto alla sua fonte letteraria, anche l’immagine di Micaela si amplia, venendo contrapposta a Carmen. Gli autori del libretto hanno anche introdotto nuove scene che offrono l’opportunità di ricreare diversi lati della vita, come le figure romantiche di zingari e contrabbandieri, l’atmosfera tesa delle corride. L’opera “Carmen” fu rappresentata per la prima volta il 3 marzo 1875 a Parigi. La prima fallisce. Già alle prove generali nella sala dell’Opera Comique si recheranno molti musicisti e critici che discorrono negativamente del lavoro.

“Com’è vero, ma com’è indecente tutto questo!” — sottolinea la critica su “Carmen”. Bizet viene accusato di immoralità. Il 23 ottobre dello stesso anno – cinque mesi dopo la morte del suo autore – “Carmen” sarà rappresentata a Vienna con grande successo. Da allora, non ha mai lasciato i palcoscenici dei teatri d’opera di tutto il mondo.

L’amico di Bizet, il compositore Ernest Guiro (1837–1892), con il quale aveva studiato insieme in Italia, fece una nuova revisione dell’opera, sostituendo il dialogo parlato con recitativi e l’inserimento della musica del balletto nell’atto finale dell’opera, utilizzando estratti dalla musica di L’Arlesiano. In questa forma, “Carmen” fu rappresentata nel 1883 a Parigi e fu un successo straordinario.

La trama….

Alle porte della città di Siviglia, nel caldo pomeriggio, i soldati di guardia che sorvegliano la fabbrica di tabacco si annoiano. L’aspetto della bella Micaela li ravviva. Ella chiede al sergente Morales di Don José. Morales le dice che presto sarà qui e vuole tenerla per braccio, ma Micaela se ne va. Le trombe annunciano il cambio della guardia. La nuova guardia è guidata dal capitano Zuniga e dal sergente Don José. Gli operai lasciano la fabbrica di tabacco per una pausa; i giovani si radunano intorno a loro. Scoppia un allegro tumulto.

Arriva la bella e audace zingara Carmen che tutti corteggiano. Il bel sergente Don José attira la sua attenzione, ma il ragazzo ci ha pensato e resta a guardare. Carmen cerca di sfidarlo e canta l’habanera, che suona come un richiamo d’amore. Dopo la canzone, lancia un fiore davanti al sergente. Don José è imbarazzato. Il tempo di riposo è finito e gli operai stanno tornando a casa. Arriva Michele. Porta a Don José una lettera e dei soldi da sua madre. Il puro amore di Micaela ripristina la tranquillità di Don José e lui si ripromette di sposare Micaela. All’improvviso, dalla fabbrica si sentono urla femminili.

Gli operai hanno litigato e Carmen ha pugnalato uno di loro con un coltello. Zuniga ordina a Don José di arrestare Carmen e portarla in prigione. Ma quando sono soli, lei canta una canzone appassionata e con promesse d’amore riesce a convincere l’ingenuo giovane a lasciarla scappare. Lo aspetterà al caravanserraglio di Lilas Pastia vicino a Siviglia. Lui le slega le mani, Carmen lo spinge e lo schiva.
Due mesi dopo a Lilas Pastya. C’è molto rumore e divertimento. Il capitano Zuniga è tra gli invitati. Dice a Carmen che Don José ha già scontato la pena che gli è stata inflitta a causa sua.

La notizia dell’imminente incontro con il sergente commosse profondamente la zingara. La voce di Escamillo arrivava da fuori. La folla saluta il coraggioso torero con applausi. Tutti bevono un brindisi in suo onore e lui parla dei pericoli della corrida. A Carmen piace il torero. Bevono per amore e un nuovo appuntamento. Si sta facendo tardi. Gli invitati si disperdono. I contrabbandieri Dancairo e Remendado si stanno preparando per il trasferimento di nuove merci. Ma per questo serve l’aiuto di Carmen. Insieme alle sue amiche, Mercedes e Frasquita, deve intrattenere i doganieri. Tuttavia, Carmen non vuole andare.

Don José potrebbe venire da un momento all’altro. Infatti, presto la canzone di Don Joséarriva dall’esterno e Carmen si precipita dal suo amante. Ma la gioia dell’incontro è di breve durata. Suona il segnale dell’ispezione: Don José deve andare. Carmen non lo lascia andare e per trattenerlo fa il suo ballo migliore. Il capitano Zuniga arriva inaspettatamente. Aveva sperato di trovare Carmen da sola, ma quando vede Don José, comincia a prenderla in giro per aver scelto il sergente al posto del capitano. Sopraffatto dalla gelosia, Don José si lancia contro il suo superiore, arma in pugno. Carmen chiama i contrabbandieri per separare i contendenti. Ora Don José non può tornare in caserma. Deve stare per sempre con Carmen.

Nel buio della notte, i contrabbandieri trasportano le loro merci attraverso la montagna, Don José è tra loro, ma non è riuscito ad abituarsi a questa vita. Sogna un’altra vita più tranquilla. Carmen si è già raffreddata con lui – nel suo cuore c’è Escamillo. Frasquita e Mercedes stanno guardando le carte. Entrambi amano i soldi e l’amore. Anche Carmen gioca al solitario, ma le carte le predicono la morte. Riordina le carte, prima per sé e poi per Don José. Di nuovo la stessa previsione: la morte. Il Dancairo rientrato esorta i contrabbandieri ad andarsene con la merce e ordina a Don José di sorvegliare il passaggio. Arriva Micaela.

Ha percorso il sentiero spaventoso per trovare il suo fidanzato e riaverlo perché sua madre è sul letto di morte. Ma non può lasciare Carmen. In quel momento, un uomo apparve sul sentiero. Don José gli spara ma manca il bersaglio. Quello che si è intrufolato nel campo dei contrabbandieri è Escamillo, venuto a invitare Carmen alle imminenti corride. Questo fa sì che Don José si scagli contro di lui esasperato. I contrabbandieri lo fanno a pezzi. Il sergente se ne va con Micaela, minacciando di tornare di nuovo.

Piazza di fronte all’ingresso dell’arena di Siviglia. La gente attende l’apparizione dei toreri. Arrivano con una marcia solenne. Davanti a tutti passa Escamillo. Carmen, che è tra i presenti, accoglie con gioia il torero. Mercedes e Frasquita avvertono Carmen di stare attenta: hanno visto Don José in giro. Ma questo non disturba la bella zingara e lei va con calma nell’arena. La sua strada è bloccata da Don José. Le chiede di tornare da lui. È pronto a tutto pur di riconquistare il suo amore.

Florida Grand Opera 2016 – “Nous avons en tête une affaire” quintet – Act II
Foto di Daniel Azoulay

Sulla musica….

L’opera “Carmen” è uno dei più grandi successi della musica francese della seconda metà del secolo scorso. È un’opera profondamente realistica piena di drammaticità. La musica dell’opera è intrisa di vita e passioni ribollenti. Scritto nello spirito del folklore musicale spagnolo, si adatta perfettamente alla trama. Ma nonostante i temi spagnoli tratti dalla ricchezza canora di quel popolo, la musica di Georges Bizet è una vera arte francese. I conflitti drammatici sono ricreati con profonda intuizione psicologica e le caratteristiche musicali dei personaggi sono tra le più vividamente espresse nell’intera letteratura operistica.

Già nell’ouverture, sullo sfondo dell’allegra festa nazionale, spicca per contrasto il tragico destino dei due protagonisti. Il primo atto ha i numeri musicali più vari e originali. Il coro dei soldati e l’allegra canzone dei ragazzi sono pieni di allegria. Il canto corale dei tabaccai precede la scena tra Carmen e Don José, il cui culmine è l’habanera, eccezionale per le sue qualità artistiche. In questa appassionata scena d’amore, il duetto lirico di Micaela e Don José contrasta fortemente. Il duetto è seguito dalla sensuale sequenza di Carmen. Le due arie aiutano il compositore a costruire l’immagine della zingara ancora più luminosa, completa ed emozionante.

La capricciosa introduzione orchestrale del secondo atto conduce alla scena di apertura allegra piena di canti e danze gitane originali nella taverna di Lilas Pastya. I distici del torero Escamillo sono unici nella loro forza emotiva e si sono guadagnati un’eccezionale popolarità. Molto interessante è il quintetto dei contrabbandieri – Carmen, Frasquita, Mercedes, Dancairo e Remendado – scritto con flessibile melodiosità. La scena tra Don José e Carmen è al centro del secondo atto. Dopo il dolce canto e la danza di Carmen, la tensione nella musica sale bruscamente. L’immagine di Don José è pienamente rivelata nell’eccezionale “Aria del fiore”.

Il terzo atto si apre con un’introduzione orchestrale, la più interessante di tutte nell’opera. Il flauto, accompagnato dall’arpa, suona una melodia leggera e cadenzata e inaugura il fascino della calda notte andalusa. L’inizio dell’azione ha una musica tesa che dà un’idea della vita piena di pericoli dei contrabbandieri. Questo stato d’animo è portato sia dal sestetto che dal coro che lo segue. La scena con le carte occupa un posto centrale non solo nel terzo atto, ma anche in tutta l’opera. La festa di Carmen è intrisa di una vera tragedia.

L’aria lirica estremamente emotiva di Micaela, al termine della quale compaiono anche elementi drammatici, non è meno commovente. L’incontro di Don José ed Escamillo è trasmesso con profonde sfumature psicologiche. È con lei che si prepara l’epilogo ravvicinato e tragico. L’intermezzo orchestrale al quarto atto è creato in un aspetto di danza di sapore spagnolo.

Questo crea l’atmosfera necessaria per l’immagine della brillante festa nazionale: l’accoglienza dei toreri e l’eccitazione delle imminenti corride. L’ultima parte del quarto atto è in netto contrasto. Il duetto di Carmen e Don Jose è pieno di calde passioni. Il dramma è costantemente accresciuto dalle contrastanti grida di gioia che si riversano dall’arena fino al raccapricciante epilogo.

Versione in lingua bulgara: https://cafearte.bg/carmen-immortal-opera-in-four-acts/

Bibliografia: “Book for the opera” di Loybomir Sagaev (1983)

Sabato, 10 giugno 2023 – n°23/2023

In copertina: La morte di Carmen – Florida Grand Opera 2016 – Foto: Daniel Azoulay CC BY 2.0

Condividi su: