domenica, Aprile 21, 2024

Notizie dal mondo

Aumentano gli incendi in Europa

Diminuisce il numero dei vigili del fuoco in tutto il Vecchio continente

Redazione TheBlackCoffee

Scorrendo le notizie nell’estate del 2023, il lettore medio non poteva trascurare le notizie di incendi boschivi e che dilagavano in tutto il mondo. Solo per citare i più grandi, le Isole Hawaii e il Canada hanno avuto alcuni degli peggiori incendi. In Europa, la Sardegna, la regione portoghese di Castelo Branco e l’isola di Santorini hanno sofferto molto. Gli incendi boschivi, sono spesso aggravati dalle condizioni climatiche e sono sempre più presenti in Europa come conseguenza diretta dell’accelerazione del cambiamento climatico.

Secondo il rapporto del Centro comunitario di ricerca della Commissione europea sugli incendi boschivi in ​​Europa, Medio Oriente e Nord Africa, nel 2022 l’Unione europea ha registrato il numero più alto di incendi dal 2006. Sono stati bruciati oltre 5.500 km² di territorio, il doppio della superficie del Lussemburgo, tra cui oltre 1.000 km² all’interno delle aree protette della rete europea Natura 2000, le riserve di biodiversità dell’UE.

Con il crescente rischio di incendi in tutto il continente, è aumentata anche l’importanza del meccanismo di protezione civile dell’Unione Europea. Il meccanismo ha lo scopo di facilitare la cooperazione dei vigili del fuoco tra gli Stati membri, aumentando la loro prontezza di allerta e migliorando la loro schierabilità nei 27 Stati membri.

Poiché il cambiamento climatico sta causando un numero crescente di incendi, è chiaro che l’Europa ha bisogno di maggior numero di vigili del fuoco nella stagione sensibile. Tuttavia, la realtà che fa riflettere è che recentemente 10 paesi membri dell’Unione Europea hanno tagliato il numero di posti di lavoro dei loro pompieri, come riporta un recente rapporto pubblicato nell’agosto 2023 da Eurostat. Nel 2022 in tutta l’Ue erano impiegati 359.780 vigili del fuoco, ovvero 2.800 persone in meno rispetto al 2021.

In termini di distribuzione per età dei vigili del fuoco, i dati indicano una tendenza all’invecchiamento poiché il 25,5% di loro ha più di 50 anni e solo il 12,6% ha meno di 30 anni. I rapporti Eurostat si affrettano a sottolineare che questi numeri non includono i vigili del fuoco volontari, che costituiscono una parte importante delle strategie nazionali di lotta agli incendi in diversi paesi dell’UE.

È interessante notare che il livello di rischio di incendio in ciascuno stato membro dell’UE non è necessariamente correlato al numero di personale impiegato per la lotta agli incendi. Grecia, Estonia e Cipro impiegano la quota relativamente più alta di pompieri nelle rispettive forze lavoro, mentre altri Paesi in cui gli incendi sono molto comuni nel periodo estivo, come Portogallo, Spagna e Italia, si trovano a metà classifica nella lista dei Paesi. In Francia, pare preoccupante il fatto che nonostante nelle regioni meridionali venga fortemente colpita dagli incendi, si colloca al penultimo posto dopo i Paesi Bassi.

Cosa fa l’UE per facilitare la cooperazione?
Nel 2023, l’Unione Europea ha rafforzato le proprie infrastrutture condivise e la flotta antincendio di rescEU, composta da aerei ed elicotteri antincendio. Nel 2023, il meccanismo di Protezione civile dell’Unione Europea che gestisce le richieste di sostegno immediato degli Stati membri è stato attivato sette volte per gli incendi nell’Europa mediterranea e oltre – Tunisia, Cile e Canada. In conseguenza, l’Europa ha schierato 20 aerei antincendio e oltre 660 vigili del fuoco per contrastare gli incendi boschivi.

Il meccanismo di Protezione civile dell’UE è stato istituito nel 2001 per rafforzare la cooperazione tra gli Stati membri in materia di protezione civile e migliorare la prevenzione, la preparazione e la risposta alle catastrofi. L’idea è che i paesi partecipanti riuniscano il capitale umano, l’esperienza, gli strumenti e i veicoli necessari. L’UE coordina e finanzia almeno il 75% dei costi di dispiegamento e trasporto di queste operazioni.

Per fornire al meccanismo competenze e squadre, i Governi hanno creato un pool europeo di protezione civile. Sono state aggiunte 124 capacità di risposta specializzate provenienti da 25 Stati membri per coprire tutti i tipi di scenari in cui l’emergenza travolge le capacità di risposta di un paese in Europa e oltre.

Il meccanismo è stato attivato più di 700 volte dal suo avvio. Un dato significativo è che tra il 2007 e il 2019 un terzo delle richieste di assistenza del meccanismo di protezione civile dell’Unione Europea erano legate agli incendi. Attualmente, la maggior parte delle risorse vengono incanalate nel programma di aiuti umanitari dell’Unione nel contesto della guerra in Ucraina.

L’infrastruttura condivisa è uno degli elementi chiave per soluzioni comuni. Nel suo continuo tentativo di migliorare la qualità e l’efficacia della cooperazione transfrontaliera, nel 2023 l’Unione Europea ha deciso di investire 23 milioni di Euro nei suoi primissimi aerei antincendio interamente di proprietà condivisa, che saranno consegnati entro la stagione degli incendi del 2027. Saranno accompagnati da altri 12 aerei cofinanziati dall’UE ma posseduti e gestiti dagli Stati membri – con la condizione di renderli disponibili in tutto il blocco durante la stagione degli incendi. In precedenza l’UE disponeva di una flotta di 28 aerei noleggiati dalle disponibilità dei Paesi dell’UE o dal mercato.

Nel 2022, il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze (ERCC) dell’UE ha inviato assistenza in caso di incendi boschivi a Repubblica Ceca, Francia, Germania, Portogallo, Slovenia e Albania, con 33 aerei e 8 elicotteri dispiegati e oltre 1.500 vigili del fuoco a terra.

Tuttavia, come spiegano gli esperti vigili del fuoco polacchi, Przemysław Rembielak e Bartosz Klich, impiegati in una serie di operazioni transfrontaliere, il problema della compatibilità delle apparecchiature è spesso una grande sfida tra le brigate. Ad esempio, le squadre polacche in missione all’estero hanno 17 auto in grado di allacciare tubi per 3 km e larghi 110 mm, che è un diametro appropriato per spegnere magazzini e incendi di rifiuti. Per fare un confronto, le brigate spagnole possono distribuire 3 km di tubi con una sola macchina, ma con un diametro di soli 25 mm. Le prove hanno anche dimostrato che le uniformi di alcune brigate del Nord Europa sono troppo calde per essere indossate quando sono schierate, ad esempio, nei paesi del Sud del Mediterraneo.

Molto conta anche nelle pratiche nazionali di estinzione degli incendi. Ad esempio, i vigili del fuoco polacchi sono abituati a contare su strade, mappe e punti di coordinamento adeguati per affrontare gli incendi. D’altra parte, alle brigate spagnole viene insegnato ad avvicinarsi a piedi con le manichette dell’acqua verso gli incendi e ottenere migliori risultati fuoristrada.

In diversi Stati membri esiste un “muro” tra i vigili del fuoco del servizio statale e i vigili del fuoco civili. Sembra che le opportunità di formazione transfrontaliera dell’UE non abbiano apportato un cambiamento sostanziale su questo fronte. Ancora una volta, in Polonia le brigate di vigili del fuoco professionisti delle ONG non hanno avuto accesso al meccanismo di allerta dell’Unione Europea per offrire i propri servizi, presumibilmente per ragioni finanziarie. Un altro esempio in Grecia mostra che, data la carenza di risorse economiche per il lavoro straordinario, il costo del carburante e, in generale, il lavoro extra, i vigili del fuoco sono riluttanti ad assumere compiti aggiuntivi, per non parlare di andare all’estero per aiutare.

Nonostante decenni di sostegno finanziario mirato, le differenze nella formazione e nelle attrezzature in tutta Europa rendono la cooperazione difficile e spesso inefficiente.

Gli organismi dell’Unione Europea e gli esperti nazionali non sottolineano abbastanza l’importanza della prevenzione e dell’educazione agli incendi boschivi. Per tenere lontani gli incendi, zone tagliafuoco forestali e confini di terreni agricoli ben mantenuti sono essenziali tanto quanto l’educazione pubblica sulla corretta estinzione degli incendi e su molte altre questioni legate ad essi. Sulla base di una risposta della Commissione Europea, non esistono regolamenti comunitari che prescrivano misure specifiche relative agli incendi per Wildland Urban Interface (WUI) – l’interfaccia zona selvaggia-urbana – ovvero di quelle aree in cui un ambiente costruito si incontra o si mescola con un ambiente naturale. Tuttavia, in ciascuno Stato membro esiste un Piano nazionale per la gestione integrata degli incendi rurali, che affronta specificamente gli incendi in ambiente rurale.

Allo stesso modo, non esiste materiale educativo standardizzato sull’allerta antincendio. Ciò, unito alle tradizioni storiche, ha portato a una situazione in cui il livello di istruzione pubblica dei Paesi dell’Unione varia ampiamente. Gli svedesi, i finlandesi, i tedeschi e i polacchi, ad esempio, sono tra le società più intellettuali d’Europa, mentre il Portogallo è impegnato a recuperare terreno quando si tratta di mantenere le foreste e proteggere la natura dagli incendi. Altri Stati membri mostrano una riluttanza significativamente maggiore ad educare la popolazione in generale.

Anche il rappresentante del Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS) ha chiesto una maggiore attenzione alla prevenzione, compresa l’istruzione pubblica, nel suo recente intervento alla commissione AGRI del Parlamento Europeo nel settembre 2023.

……………………………………..

This material is published in the context of the “FIRE-RES” project co-funded by the European Union (EU).

Original source: EDJNet – The European Data Journalism Network – EUrologus, Frontstory.pl – György Folk, Grzegorz Broniatowski 

…………………………………………………

Sabato, 23 marzo 2024 – Anno IV – n°12/2024

In copertina: foto di Ciobanu Catalina/Pixabay

Condividi su: