lunedì, Aprile 15, 2024

Notizie dal mondo

Week-ends di rivoluzione popolare

Non più barricate, ma passeggiate

Redazione di TheBlackCoffee – collaborazione linguistica Vesna Šćepanović

Nell’esperienza e nella memoria globale collettiva, le rivoluzioni avvengono in un breve periodo di tempo, giorno dopo giorno e ancora di notte, non ci sono fermate e rallentamenti, fino alla vittoria. È così che abbiamo imparato nel secolo scorso, dalle manifestazioni studentesche negli USA e in Europa negli anni Sessanta, per la caduta delle dittature mediterranee negli anni Settanta, le manifestazioni sudcoreane negli anni Ottanta, le manifestazioni di Belgrado nel 1997, ma anche in questo secolo, da Hong Kong alla Catalogna, alla Francia. La maggior parte non ha visto la vittoria, ma alcune sì; tranne quello, una volta crollata la dittatura, sono state semplicemente bellissime, come quella portoghese. E ci hanno lasciato anche molte belle canzoni. Ricordiamo solo quella catalana: L’estaca di Lluís Llach.

Negli anni Venti di questo secolo, insieme alla pandemia, ci sono state nuove forme di lotta politica di chi non ha il potere. Dei tanti casi in giro per il mondo, ne penso tre che mostrano alcune somiglianze: le ribellioni israeliane, slovene e serbe. Cronologicamente quella slovena è la prima. È stata una risposta al governo che non è stato eletto, ma messo insieme con la corruzione quando è caduto il precedente, e i parlamentari hanno preferito restare con i loro stipendi in Parlamento. Quel governo ha utilizzato la pandemia per attuare violenza, epurazioni del personale, corruzione e un’ondata di incitamento all’odio. La Resistenza è iniziata con le passeggiate in bicicletta, è proseguita con manifestazioni ed esibizioni, regolarmente organizzate il venerdì, con occasionali azioni minori negli altri giorni, come i mercoledì artistici. Dopo due anni, alle elezioni regolari, ha vinto il partito che si era formato in alleanza con la cittadinanza resistente, e in coalizione con altri due partiti di sinistra.

Il caso serbo è espressione di presa di coscienza dopo una tragedia indescrivibile in cui sono morti bambini e ragazzi: quasi dodici anni di caotico governo di Aleksandar Vučić, trent’anni di costante abbassamento del livello di tutto, dal discorso pubblico alla vita di tutti i giorni, la soppressione della responsabilità per la guerra e i crimini di guerra, l’esaltazione dei criminali di guerra, la cronica incapacità dell’opposizione di incrociare la strada con il nazionalismo: tutto ciò è crollato con un dolore indescrivibile. Innumerevoli masse di manifestanti senza un programma chiaro, se non quello di non poter più sopportare un Governo del genere, si sono organizzate come meglio si addice a tutti: si radunano il venerdì.

Il caso israeliano è un’espressione di disperazione per l’inefficienza della democrazia parlamentare e di indignazione per il fatto che lo stesso estremismo nazionalista moralmente e penalmente sospettato, condannato e corrotto, vinca ripetutamente le elezioni e riesca ogni volta a ridurre la democrazia. Gli Israeliani manifestano il sabato, il che conferisce alla protesta un profondo significato interno. L’ultima goccia è stata il tentativo di Netanyahu di “modificare” la magistratura secondo i suoi standard.

L’elemento comune è ovviamente manifestare in un certo giorno della settimana, nel fine settimana, cioè in un giorno strettamente non lavorativo. I manifestanti rinunciano così alla velocità rivoluzionaria, persino alla determinazione, e svolgono la protesta come una routine quotidiana. Il Governo si trova di fronte alla permanenza e alla resistenza dei cittadini invece che all’assalto e al coraggio di qualche fronte rivoluzionario, che è sempre facile da abbandonare e arrendersi a un destino eroico. Il vantaggio delle rivolte del fine settimana è che uniscono tutti, sindacati, membri del partito e persone che normalmente non scendono in piazza. Tra i manifestanti ci sono tutte le generazioni, tutte le classi sociali, perché le rivendicazioni sono evidenti o minime. Le persone ne hanno semplicemente abbastanza. Hanno avuto abbastanza tempo per convincersi che la democrazia parlamentare è flessibile, becera e bugiarda, che i partiti sono moralmente e intellettualmente miserabili, e molti sono dei mostri, che lo stato sociale sta crollando e che regnano l’egoismo, l’incuria e l’ingiustizia. Contro le autorità hanno un’arma completamente nuova, finora inutilizzata nei tempi moderni: il tempo. A proposito, questo è il tema di quella canzone catalana – alla fine cade, cade, cade… E non si tratta di un tempo infinito, ma di “ora”, del momento in cui il governo deve andarsene – adesso , adesso, adesso.

Forse qualche altra esperienza di ribellione è più spettacolare: in Polonia, dopo diversi anni di manifestazioni delle donne per la libertà di decidere del proprio corpo, il governo conservatore è stato sorpreso da non meno di mezzo milione di persone durante una protesta a Varsavia. A causa del caos nel sistema giudiziario, il Governo polacco ha anche un problema nell’UE. Ci siamo dimenticati della rivolta ucraina di qualche anno fa a causa della guerra. Le due culture nazionali tradizionalmente ribelli, greca e francese, non hanno mai smesso di manifestare, i greci per gruppi di partito, i francesi per sindacati. Ma le proteste contro l’innalzamento dell’età pensionabile in Francia hanno portato una nuova organizzazione – protestano tutte le generazioni, e sempre più spesso secondo il ritmo del fine settimana – tranne quando si tratta di scioperi frequenti e popolari. La ribellione più tragica con le manifestazioni di oggi, quella iraniana, nonostante i tanti omicidi, torture e condanne a morte, dimostra che anche un tipo di ribellione più complessa esiste ancora.

Proprio questo esempio potrebbe portare a chiedersi se le rivoluzioni del fine settimana e le nuove forme di lotta contro il sistema democratico-parlamentare siano il risultato di una certa mercificazione della ribellione, dell’adattamento alle abitudini.

Non ci siamo adattati alla pandemia e alla guerra in mezzo all’Europa in due anni? Mi sembra che non dovremmo andare così lontano, perché la rivoluzione del fine settimana e la resistenza pacifica possono essere uno strumento efficace contro il più grande pericolo che minaccia qualsiasi ribellione: il nazionalismo.

Questo è ciò che dà le ali ai dittatori quasi falliti, gonfiati e paranoici nelle democrazie parlamentari un secondo prima che cadano nel fango. La cooperazione slovena tra il governo e i cittadini al di fuori del governo è in pericolo a causa dell’unico mezzo di cui dispone l’opposizione, il nazionalismo con il populismo, e non è affatto certo che questa combinazione non avrà successo.

L’esperienza delle ribellioni si è già resa necessaria, quando i capi dell’opposizione hanno minacciato la guerra civile. Questa è dunque una procedura che verrà immediatamente applicata dal governo in Polonia, Serbia, Israele… Il nazionalismo può ancora, se non obbedire, separare e rallentare le ribellioni e impedire l’atteso sviluppo di pensieri in direzione contro il capitalismo.

Così, con calma, nei fine settimana, mentre si socializza, si discute, si concorda, regolarmente e costantemente.

La regolarità, da sola, fa arrossire le orecchie dei dittatori.

Canzone catalanadi protesta popolare

Fonte: Svetlana Slapšak, antropologa, filosofa e storica slovena

Sabato, 1 luglio 2023 – n°26/2023

In copertina: manifestazione popolare a Belgrado – Foto: Peščanik

Condividi su: