martedì, Settembre 27, 2022

Notizie dal mondo

Turchia: l’avvocato Atayç Ünsal di nuovo in stato di arresto

Solo tre mesi fa il rilascio

di Nancy Drew

Proseguono le lunghe ondate di arresti in Turchia, alle quali nessuna categoria professionale o sociale riesce a scampare dopo il presunto colpo di stato occorso la notte del 15 luglio 2016. Maggiormente colpito il comparto militare, a cui si imputa lattuazione materiale del fallito golpe; ma a tranche di centinaia, sono finiti in carcere avvocati, intellettuali e presunti fiancheggiatori di ogni ordine e grado. Decine di migliaia gli arresti, con oltre 4.100 persone già condannate, di cui almeno la metà al carcere a vita, e oltre circa 140 mila destituite dagli incarichi professionali statali.

Altra cronaca – ma identiche modalità – per larresto di alcuni avvocati dello Studio Legale del Popolo, condannati e imprigionati per aver svolto il loro lavoro di difensori nei confronti di oppositori politici al regime del Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan.

Tra questi, condannata a 13 anni, Ebru Timtik, avvocatessa deceduta a causa di uno sciopero della fame a oltranza – con lo scopo di ottenere un processo equo – al suo 238° giorno di digiuno: https://www.theblackcoffee.eu/ebru-timtik-assassinii-di-stato-alla-corte-turca/.

Lo sciopero della fame era iniziato a febbraio e portato avanti unitamente al collega avvocato Aytaç Ünsal, anchegli arrestato e condannato a dieci anni e sei mesi, con laccusa di terrorismo (https://www.theblackcoffee.eu/turchia-gli-avvocati-aytac-unsal-e-ebru-timtik-in-sciopero-della-fame-death-fast/).

In seguito alla morte di Ebru Timtik, avvenuta il 27 agosto scorso, forti furono le pressioni di organizzazioni di diritti civili e umani, ordini di avvocati di molti Paesi europei ed enti legali di varia natura, tantoché la Corte Suprema turca decise per una scarcerazione temporanea di Ünsal – su parere della Commisione sanitaria giudiziaria – per le precarie condizioni di salute in cui versava il detenuto. La valutazione medica per la completa guarigione prevedeva il periodo di circa un anno.

Lavvocato Aytaç Ünsal è stato, quindi, liberato il 3 settembre e, secondo quanto attesta lo Studio Legale del Popolo, si è sistemato in una baracca nel quartiere Küçükarmutlu di Istanbul, per il periodo di convalescenza.

A poco meno di tre mesi di distanza – il 23 novembre – la polizia ha fatto irruzione nella sua abitazione, perquisendola e saccheggiando i suoi averi, mentre le persone trovate insieme a lui sono state arrestate.

Infine, la sera del 10 dicembre, la decisione del fermo di 48 ore.

La situazione sanitaria di Ünsal è tuttora molto precaria, per le basse difese immunitarie, e incorre nel rischio di contagio da Covid-19, oltre ad avere ancora molti problemi di mobilità.

Il futuro di Ünsal pare nuovamente nelle mani dell’iniqua giustizia del regime turco: cosa ne sarà di lui?

Riportiamo la Dichiarazione dello Studio Legale del Popolo – Internazionale, che spiega lingiustizia finale e la campagna di linciaggio politico contro il collega avvocato Aytaç Ünsal.

In questo momento è detenuto arbitrariamente nel carcere di Edirne F-Type, in pessime condizioni di salute. Ha dolori continui, le sue gambe sono gonfie e ha bisogno di cure mediche dopo 215 giorni di sciopero della fame fino alla morte (death fast).
Libertà per Aytac Ünsal!
LAVVOCATO RIVOLUZIONARIO DEL POPOLO, AYTAÇ ÜNSAL, È STATO TORTURATO. IL FASCISTA AKP NON PUÒ GETTARE UNOMBRA SULLA LEGITTIMITÀ DEGLI AVVOCATI DEL POPOLO CON LE SUE BUGIE E LE SUE CALUNNIE. AYTAÇ ÜNSAL È UN ONORE PER NOI.

Il nostro collega, il nostro compagno, il nostro collaboratore, il nostro amico Aytaç, è stato preso in custodia la sera (del 10 dicembre) con un nostro collega di lavoro, a Edirne. Lavvocato del popolo, Aytaç Ünsal, è stato rilasciato dalla Corte Suprema dopo che la sua salute è peggiorata a causa del Death Fast che ha continuato per mesi con Ebru Timtik per il diritto a un giusto processo. Aytaç Ünsal, che è stato rilasciato, rinviando lesecuzione della sentenza della Corte di Cassazione, il 3 settembre 2020, è stato avviato in un ospedale privato, ma è stato dimesso da lì prima della fine del trattamento a causa delle intense vessazioni della polizia politica e delle pressioni sulla gestione dellospedale. Qui è stato curato Aytaç Ünsal, che si è poi stabilito in una baraccopoli nel quartiere Küçükarmutlu di Istanbul. Due settimane fa, il 23 novembre, la polizia politica ha fatto irruzione nella casa dove Aytaç Ünsal era in cura. Cera un alto rischio di infezione a causa della pandemia di Covid-19 e del crollo del sistema immunitario dovuto allo sciopero della fame di Aytaç Ünsal. Nonostante ciò, anche i compagni di Aytaç Ünsal, trovati nella casa che è stata saccheggiata da decine di poliziotti, sono stati arrestati e le sue cose sono state manomesse. Questa irruzione era unaggressione volta a ostacolare il trattamento di Aytaç Ünsal, che era in cura sotto il costante controllo e le vessazioni della polizia politica dellAKP, e persino minacciato di essere ucciso. È chiaro che il trattamento di cura del nostro collega, il compagno Aytaç Ünsal, non è possibile in queste condizioni. Per questo motivo, il nostro collega è stato coinvolto in una nuova cospirazione della polizia mentre cercava un posto adatto per continuare il suo trattamento in condizioni di sicurezza. Il nostro collega, che era già in cattive condizioni di salute a causa dello sciopero della fame fino alla morte, è stato torturato dalla polizia politica quando è stato preso in custodia. Aytaç Ünsal è stato prelevato dal veicolo, sdraiato a terra, calpestato, e la sua testa ha sbattuto sul terreno asfaltato. A causa di queste violenze, il volto di Aytaç Ünsal e varie parti del suo corpo sono rimaste contuse. Il Ministero degli Affari Interni, che ha rilasciato una dichiarazione sulla detenzione del nostro collega, ha continuato a mentire e a manipolare, proprio come durante il caso che ha condotto alla punizione ingiusta e illegale del nostro collega. Nella dichiarazione rilasciata dal Ministero, il nostro collega Aytaç Ünsal, insieme alla menzogna di essere stato sorpreso mentre cercava di fuggire allestero, ha dichiarato di essere stato precedentemente catturato durante loperazione effettuata subito dopo lomicidio del procuratore Mehmet Selim Kiraz e di essere stato punito per questo incidente. Tuttavia, lo stesso è stato arrestato due anni e mezzo dopo i fatti che hanno portato alla morte del procuratore Mehmet Selim Kiraz, e questo incidente non è stato oggetto di nessun processo nei confronti del collega. Raccontando questa bugia, il Ministero sta cercando di creare la percezione del ri-arresto di Aytaç Ünsal. Il nostro collega si trova attualmente presso lUfficio antiterrorismo del Dipartimento di Polizia di Edirne. Un ordine di detenzione di 48 ore è stato arbitrariamente deciso ed è illegittimo. Le condizioni di salute di Aytaç Ünsal non sono adatte alla detenzione. La sua salute è peggiorata a causa dello sciopero della fame e la situazione continua ad aggravarsi. Cè un alto rischio di infezione e che il sistema immunitario crolli. Non è in grado di camminare a causa dei danni alle terminazioni nervose e prova un dolore intenso. Non cè alcun motivo legale per essere trattenuto per 48 ore. Per questo motivo, la sua detenzione è una situazione arbitraria e illegale. Pertanto, Aytaç Ünsal dovrebbe essere rilasciato immediatamente. Tutti i nostri colleghi, gli ordini degli avvocati e le organizzazioni legali rivendicano i diritti di Aytaç Ünsal, lavvocato del popolo. Con le nostre dichiarazioni, azioni e attività, rivolgiamoci al Ministero della Giustizia e ai Ministeri dellInterno, inviando e-mail e fax, e lottiamo insieme affinché Aytaç Ünsal riconquisti la libertà.
LA TORTURA È UN CRIMINE CONTRO LUMANITÀ!
AYTAÇ ÜNSAL È IL NOSTRO ONORE!
LASCIATE CHE AYTAÇ ÜNSAL SIA LIBERATO!
UFFICIO INTERNAZIONALE DELLO STUDIO LEGALE DEL POPOLO.

Sabato, 12 dicembre 2020

In copertina: Aytaç Ünsal dopo l’arresto del 10 dicembre 2020.

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi