sabato, Marzo 02, 2024

Notizie dal mondo

Stati Uniti: 72 sparatorie di massa in 46 giorni

Quali sono le cause sociali e politiche?

redazione di TheBlackCoffee

“Niente più pericolo per il pubblico”, ha dichiarato il Dipartimento di polizia di El Paso in Texas dopo l’ultima sparatoria.

Al contrario, le sparatorie di massa sono ora più di un evento quotidiano in America. Il Gun Violence Archive ha registrato dall’inizio del 2023, 72 sparatorie di massa negli Stati Uniti, in soli 46 giorni. Questi tragici incidenti al momento si sono verificati in circa due dozzine di stati e nel Distretto della Columbia. Si erano verificati in 37 Stati nel 2022.

Il ritmo degli omicidi sta accelerando. Sono già 52 gli incidenti di questo tipo a gennaio, di gran lunga il numero più alto del mese da quando si è iniziato a registrare i casi. Il precedente massimale di gennaio era di 34, nel 2022.

Nel frattempo, ciò che i cittadini ricevono dai funzionari governativi e dai mezzi di informazione sono i tributi alla rapidità con cui, dopo i fatti mortali, la polizia, l’FBI e altri agenti delle forze dell’ordine sono giunti su una determinata scena di sangue.

Il procuratore distrettuale di El Paso ha celebrato il “fantastico coordinamento di tutte le organizzazioni di polizia”. Il vice capo della polizia della MSU si è vantato della “risposta assolutamente travolgente della polizia a quella chiamata iniziale. … Abbiamo avuto agenti in quell’edificio in pochi minuti.

L’autocompiacimento di politici, poliziotti e testate giornalistiche, non possono né spiegare cosa sta succedendo né assicurare neanche lontanamente la sicurezza della cittadinanza, è drammatico.

La violenza su questa scala di numeri deve essere trattata come un fenomeno sociale e non casi individuali. La stessa società è diventata tossica e pericolosa.

Senza dubbio un gran numero di persone negli Stati Uniti soffre di disturbi mentali dovuti ai problemi sociali in cui sono intrappolate. La violenza pervade la società. Non di rado, un individuo che teme la propria instabilità mentale contatta la polizia e viene ucciso a colpi di arma da fuoco.

Payton Gendron – 19 anni – condannato all’ergastolo per la stage di Buffalo del 14 maggio 2022.
Fermo immagine da video

Il quadro generale per la crescita del disagio mentale sociale e individuale è chiaro: la pandemia di COVID-19, a cui le autorità hanno risposto con indifferenza e negligenza; ampia disuguaglianza sociale, persistente e maligna; decenni di guerre e violenze perpetrate contro i popoli di tutto il mondo dal governo e dall’esercito degli Stati Uniti; declino del tenore di vita per decine di milioni di persone, compresa la perdita di posti di lavoro dignitosi e sicurezza del lavoro; intensa instabilità politica e turbolenza; e l’emergere di un’ala di estrema destra determinata a stabilire un governo autoritario.

La vita negli Stati Uniti non ha conosciuto questo livello di tensione sociale e politica, incertezza e minaccia dal periodo precedente alla Guerra Civile.

Fonti ufficiali hanno iniziato ad ammettere che potrebbero esserci cause più ampie per l’esplosione omicida. Un recente studio dei servizi segreti statunitensi su 173 attacchi avvenuti in luoghi pubblici o semi-pubblici tra il 2016 e il 2020 ha rilevato che quasi tutti gli aggressori – il 93% – avevano sperimentato “almeno un fattore di stress significativo nelle loro vite entro cinque anni dall’attacco”, e per il 77 percento, il fattore di stress si è verificato entro un anno. Questi fattori di stress includono preoccupazioni per la salute, il divorzio, gli sfratti, i problemi di occupazione, il bullismo a scuola o al lavoro, contatto con le forze dell’ordine, contatto con i tribunali civili ed altro.

Settantadue sparatorie di massa negli Stati Uniti finora quest’anno sono una cifra impressionante, ma è un dato di fatto che il bilancio delle vittime dovuto alla deliberata politica della classe dirigente è molto più alto. In modo grottesco, i media e il governo fingono che la morte di un milione di persone in una pandemia prevenibile, con le sue ripercussioni su decine di milioni di persone o più, non abbia avuto alcun impatto sul tessuto della società americana.

È già anche stata tracciata una connessione tra le morti di massa e il recente aumento dei tassi di suicidio. Questi ultimi sono in aumento nelle comunità particolarmente colpite dalla pandemia. Nel tentativo di spiegare il numero di persone che si tolgono la vita, il dottor Sean Joe, professore alla Brown School of Social Work della Washington University, ha indicato lo “stress cumulativo”.

I disagi sociali generalizzati, lo “stress cumulativo” e gli “agenti stressanti” individuali, esercitano il loro peso su un numero enorme di persone, ma solo una percentuale infinitesimale – anche se relativamente significativa e crescente – crolla drammaticamente di fronte a questi.

Nel considerare le sparatorie di massa, devono essere prese in considerazione le specifiche condizioni politiche, sociali e culturali negli Stati Uniti. La follia degli omicidi è un sintomo.

La guerra senza fine ha profondamente, irrimediabilmente brutalizzato la società americana. Ora, dopo decenni di società devastate in Medio Oriente e in Asia centrale, che hanno causato milioni di morti e mutilati, l’élite al potere americana sta barcollando verso la guerra con una potenza nucleare, la Russia, con conseguenze potenzialmente incalcolabili. Centinaia di milioni di persone potrebbero morire e i funzionari statunitensi alzano le spalle e ribadiscono la loro determinazione a non essere “scoraggiati” da questa possibilità. Quali sono le personalità più vulnerabili che potrebbero trarre conclusioni da questa criminale spensieratezza e imprudenza?

La vita è incredibilmente un basso prezzo.

Il sistema politico statunitense opera interamente al servizio dei ricchi. Tutto per Wall Street, gli oligarchi corporativi e l’alta borghesia benestante, niente per il resto della popolazione. Vasti strati popolari sentono di non contare, la loro miseria non significa nulla per chi è al potere. I due partiti del grande capitale e i loro rappresentanti a Washington sono giustamente disprezzati. Nessuno si aspetta altro che batoste e soprusi dalle principali istituzioni della società.

La soppressione della lotta di classe nel corso dei decenni, grazie soprattutto ai sindacati che si sforzano di soffocare ogni sfida contro i padroni e il governo, è un fattore disastroso e distruttivo nella vita americana. Il contrasto alla combattività operaia, che farebbe emergere l’attuale fisionomia della società moderna e, soprattutto, indicherebbe una via d’uscita dall’attuale vicolo cieco economico e politico, danneggia e deforma la coscienza popolare.

Anche il degrado della vita culturale gioca un ruolo significativo. Invece di fare da specchio allo stato attuale delle cose, la cultura popolare celebra ampiamente il denaro, la celebrità, l’arretratezza, l’indifferenza sociale. La quasi-pornografia scadente che domina gran parte del mondo della musica e dell’intrattenimento serve per inquinare l’atmosfera, annegando o cancellando le critiche sociali e incoraggiando gli istinti peggiori e più bassi.

Tuttavia, dopo la pandemia la classe operaia sta riemergendo in modo potente come ceto sociale. Le crisi che si incrociano – la pandemia, l’escalation della guerra, l’estrema crescita della disuguaglianza sociale – hanno generato un potente stato d’animo di rabbia e opposizione. Lo sviluppo della lotta di classe ispirerà e fornirà forse anche una scintilla di luce a molti di coloro che sono attualmente angosciati e disorientati.

Lo spaventoso aumento delle sparatorie di massa rivela un’immensa disfunzione sociale. Il capitalismo statunitense e la sua élite dominante ossessionata dalla ricchezza sono il più grande e sempre presente “pericolo per il pubblico”! L’unica via d’uscita da questa situazione è una rivoluzione sociale.

Sabato, 18 febbraio 2022 – n°7/2023

In copertina: il supermarket di Buffalo dove Payton Gendron uccise dieci persone afroamericane – Foto: Andre Carrotflowe CC BY-SA 4.0

Condividi su: