domenica, Marzo 03, 2024

Notizie dal mondo

Il WHO abbandona la seconda fase di studi sul Covid-19

Gli studi in Cina avevano lo scopo di individuare la fonte del virus

redazione di TheBlacKCoffee

Con una pubblicazione sulla rivista scientifica “Nature”, alcuni ricercatori manifestano la loro delusione per l’abbandono da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – WHO – della seconda fase di studi per individuare l’origine del virus SARS-CoV-2, che aveva dato avvio alla pandemia.

«Capire come le prime persone sono state infettate dal coronavirus SARS-CoV-2 è importante per prevenire future epidemie» – afferma Angela Rasmussen, virologa dell’Università del Saskatchewan a Saskatoon, in Canada.

Nel gennaio 2021, un team internazionale di esperti convocato dal WHO si è recato a Wuhan, in Cina, dove per la prima volta è stato rilevato il virus che causa il COVID-19. Durante la prima fase, Insieme ai ricercatori cinesi, il team ha esaminato le prove su quando e come il virus potrebbe essere emerso. Il team ha poi pubblicato un rapporto nel marzo successivo delineando quattro possibili scenari, il più probabile dei quali è che SARS-CoV-2 si sia diffuso dai pipistrelli alle persone, forse attraverso una specie intermedia. La prima fase è stata progettata per gettare le basi per una seconda fase di studi più approfonditi, per definire esattamente cosa è successo in Cina e altrove.

Ma a due anni da quel viaggio di alto profilo, il WHO ha abbandonato i suoi progetti per la seconda fase di studi. «Non esiste una fase due» – ha riportato a Nature Maria Van Kerkhove, epidemiologa del WHO a Ginevra, in Svizzera. “Il WHO ha pianificato di lavorare in fasi, ma “quel piano” è cambiato. Riguardo a questo, la politica di tutto il mondo ha davvero ostacolato i progressi nella comprensione delle origini”.

I ricercatori stavano intraprendendo un lavoro per definire una sequenza temporale della diffusione iniziale del virus. Ciò includeva gli sforzi per intrappolare i pipistrelli nelle regioni al confine con la Cina alla ricerca di virus strettamente correlati alla SARS-CoV-2; studi sperimentali per aiutare a restringere il campo degli animali sensibili al virus e che potrebbero fungere da ospiti; e test su acque reflue conservate e campioni di sangue raccolti in tutto il mondo tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. Ma i ricercatori affermano anche che è passato troppo tempo per raccogliere alcuni dei dati necessari per individuare l’origine del virus.

Molti ricercatori non sono sorpresi che i piani del WHO siano stati bloccati. All’inizio del 2020, i membri dell’amministrazione dell’allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, hanno fatto affermazioni infondate secondo cui il virus aveva avuto origine in un laboratorio cinese, e in seguito i funzionari dell’intelligence statunitense hanno affermato di aver avviato le indagini. La città di Wuhan ospita il Wuhan Institute of Virology, un laboratorio ad alta sicurezza che lavora sui coronavirus. Gli stessi funzionari cinesi si sono chiesti se il virus abbia avuto origine all’interno dei confini del Paese.

Nel bel mezzo della ribollente ostilità tra le due superpotenze, nel maggio 2020, gli stati membri del WHO hanno chiesto all’Ente di mettere insieme uno sforzo guidato dalla scienza per identificare come è iniziata la pandemia. Sebbene la Cina abbia accettato la missione, le tensioni erano alte quando il gruppo del WHO è partito per Wuhan e l’impegno con la Cina si è rapidamente dissolto dopo il ritorno del gruppo.

Nel suo rapporto del marzo 2021, il team ha concluso che fosse “estremamente improbabile” che il virus fosse sfuggito accidentalmente da un laboratorio. Ma l’inclusione dello scenario dell’incidente di laboratorio nel rapporto finale è stato un punto chiave di contesa per ricercatori e i funzionari cinesi, afferma Dominic Dwyer, virologo presso il New South Wales Health Pathology di Sydney, che è stato un membro del team del WHO.

A luglio 2021, il WHO ha inviato una circolare agli Stati membri che delineava come intendeva far progredire gli studi sulle origini del virus. Le misure proposte includevano la valutazione dei mercati di animali selvatici a Wuhan e dintorni e degli allevamenti che rifornivano quei mercati, nonché i report dei laboratori nell’area in cui sono stati identificati i primi casi.

I funzionari cinesi hanno respinto i piani del WHO, mettendo in discussione la proposta di indagare sulle violazioni dei laboratori. Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha affermato che la proposta del WHO non è stata concordata da tutti gli Stati membri e che la seconda fase non dovrebbe concentrarsi sui percorsi che il rapporto della missione aveva già ritenuto “estremamente improbabili”.

Nell’agosto 2021, i membri del team della missione originale hanno pubblicato un commento su Nature sollecitando un’azione rapida sugli studi proposti per tracciare le origini del virus. «Abbiamo scritto quel pezzo perché eravamo preoccupati che la fase due potesse non avvenire – afferma Marion Koopmans, virologa presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, nei Paesi Bassi, e membro della missione a Wuhan. «Mi dispiace dire che è davvero quello che è successo».

Gerald Keusch, direttore associato del National Emerging Infectious Diseases Laboratory Institute presso la Boston University nel Massachusetts, afferma che l’indagine sulle origini del virus è stata mal gestita dalla comunità globale. È stata gestita male dalla Cina. È stata gestita male dal WHO. Il WHO avrebbe dovuto essere determinato nel creare un rapporto di lavoro positivo con le autorità cinesi, afferma Keusch; se fosse stato ostacolato, avrebbe dovuto essere onesto al riguardo.

Van Kerkhove afferma che il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha continuato a impegnarsi direttamente con i funzionari del governo cinese per incoraggiare la Cina ad essere più aperta e a condividere i dati. E il personale del WHO ha contattato il China Center for Disease Control and Prevention di Pechino per cercare di stabilire collaborazioni. «Vogliamo davvero, poter lavorare con i nostri colleghi lì» – afferma Van Kerkhove. «È davvero una profonda frustrazione».

Nel novembre 2021, il WHO ha formato il gruppo consultivo scientifico per le origini dei nuovi agenti patogeni (SAGO), un team permanente di esperti che da allora ha scritto una proposta su come condurre studi sulle origini per i futuri focolai. SAGO ha anche valutato le prove sulle origini di SARS-CoV-2.

Al di fuori del processo formale guidato dal WHO, alcuni studi proposti per la fase due sono andati avanti. Nel maggio del 2022, i ricercatori di Pechino e Wuhan hanno pubblicato i risultati di un’analisi del sangue di un donatore fornito al Wuhan Blood Center prima di dicembre 2019. I ricercatori stavano cercando gli anticorpi SARS-CoV-2 che potevano indicare alcune delle prime infezioni nel pandemia. Il team ha esaminato più di 88.000 campioni di plasma raccolti tra il 1° settembre e il 31 dicembre 2019, ma non ha trovato alcun anticorpo bloccante SARS-CoV-2 nei campioni.

Michael Worobey, virologo evoluzionista presso l’Università dell’Arizona a Tucson, afferma che il lavoro è un importante contributo degli scienziati cinesi, a sostegno di precedenti analisi genomiche che mostrano che il virus probabilmente non era emerso già a settembre e non era diffuso a Wuhan alla fine del 2019 .

Un altro studio condotto da ricercatori cinesi, che non è stato sottoposto a revisione paritaria, ha riferito di aver trovato tracce di SARS-CoV-2 a gennaio e febbraio 2020 al mercato ittico di Huanan a Wuhan, luogo visitato da molte delle prime persone conosciute con COVID-194 . I campioni sono stati prelevati da fognature, scarichi, superfici di porte e bancarelle del mercato e da terra. I ricercatori hanno concluso che il virus è stato probabilmente diffuso dall’uomo, ma Rasmussen e altri sono ansiosi di dare un’occhiata più da vicino ai dati grezzi, che includono i tamponi di una macchina spiumatrice, per vedere se possono identificare le specie animali.

«Spero ancora che vengano compiuti progressi» – afferma Thea Fischer, virologa della sanità pubblica presso l’Università di Copenaghen, che è stata membro della missione a Wuhan e fa parte di SAGO. «Senza l’accesso e la collaborazione della Cina, c’è poco che il WHO possa fare per far avanzare gli studi».

Sabato, 18 febbraio 2023 – n° 7/2023

In copertina: foto al microscopio NIAID-RML  (https://www.niaid.nih.gov/ & https://www.niaid.nih.gov/about/rocky-mountain-laboratories) – CC BY 2.0

Condividi su: