martedì, Marzo 05, 2024

Cultura

La ribelle Lou von Salomé

…E i suoi famosi amanti…

di Cafe Arte/Ognyan Stambolev

È noto che fino al XX secolo il ruolo della donna nella società fosse limitato. In Europa e in America nacque così il Femminismo, il movimento per i diritti del “sesso più giusto”.

Tra i suoi rappresentanti più importanti c’era, senza dubbio, la famosa, allora, e oggi quasi dimenticata, Lou Salomé. Scrittrice, traduttrice, filosofa che stupì il pubblico in Russia e in Europa formando un proprio circolo filosofico con Friedrich Nietzsche e Paul Rée, e in seguito divenne una delle prime psicoanaliste praticanti.

In una vecchia fotografia in bianco e nero vediamo tre persone: due uomini dai volti sottomessi, attaccati ad un carro guidato da una giovane donna con una frusta in mano. Audace per il 1882, la composizione è ancora più intrigante se si considera che gli uomini nel dipinto sono i famosi filosofi Paul Rée e Friedrich Nietzsche.

Lou von Salomé, Paul Rée e Friedrich Nietzsche fotografati nello studio di Jules Bonnet a Lucerna nel 1882

Louise von Salomé nacque nel 1861 a San Pietroburgo, nella famiglia di un generale russo di origine tedesca. Lou, come viene chiamata a casa, è la sesta figlia più piccola della famiglia e l’unica femmina. Nella sua casa, la città più europea della Russia, dove ha trascorso la sua infanzia, si parla principalmente tedesco e francese, motivo per cui si sente legata non alla Russia, ma all’alta civiltà occidentale.

Aveva già letto troppo, era entrata nel mondo della filosofia, aveva avuto una dura discussione con il parroco della sua parrocchia, aveva rifiutato categoricamente la sua guida spirituale e aveva scelto come suo maestro il predicatore dell’ambasciata olandese in Russia, Hendrick Guyot. Felice di aver trovato un degno interlocutore, gli invia subito una lettera: che nessuno condivide le sue opinioni, e le piacerebbe moltissimo addentrarsi seriamente nella filosofia e nella storia della religione…

Fortemente colpito dal suo animo, il pastore accetta di farsi carico della sua educazione e, segretamente dalla famiglia di lei, Lou inizia a prendere lezioni private con lui, in cui si discute delle opere di Kant, Voltaire, Rousseau, Hegel, Spinoza. Ma dopo un anno e mezzo di lezioni, all’improvviso lui le fa una proposta (!!), e non vale niente che sia sposato da molto tempo e che stia crescendo due figlie della sua età. La delusione della ragazza è incommensurabile: il maestro spirituale si rivela una persona comune, incapace di far fronte alle sue passioni inferiori!

Un circolo di menti brillanti, ma in disgregazione…
Dopo aver respinto il pastore mentore che a un certo punto ha tentato di violentarla, la diciannovenne Salome parte per Zurigo, in Svizzera, con sua madre, per continuare i suoi studi in filosofia, trasferendosi poi a Roma. Fu lì, nel salotto della scrittrice femminista tedesca Malvida von Meisenburg (nominata per il primo Premio Nobel per la letteratura), che nel 1882 Lou Salomé incontrò il filosofo positivista francese Paul Rée, che presto la presentò al suo amico Friedrich Nietzsche. I tre sentono subito che tra loro sta nascendo una forte unione spirituale.

“Da quella sera, le nostre conversazioni quotidiane finirono solo quando tornavi a casa con una deviazione – scrive Louise Salomé nelle sue memorie. Queste passeggiate per le strade dell’antica Roma ci avvicinarono presto, così tanto che in me cominciò a maturare un piano meraviglioso. E che questo progetto, contrario alla morale del tempo, potesse essere realizzato, me ne convinse uno strano sogno fatto di notte. Ho visto in sogno uno studio pieno di libri e di fiori, con due camere da letto ai lati, e gli amici che si spostavano di stanza in stanza, uniti in un circolo lavorativo allegro e allo stesso tempo serio. E sarò completamente onesta e non negherò che la nostra futura comunità era sorprendentemente fedele a quel sogno… Volevo solo che noi tre vivessimo la vita insieme, proprio come amici, ovviamente…”

Per qualche tempo, questa strana, scandalosa per l’epoca, “troika”, viaggiò davvero insieme, dedicò tutto il suo tempo alle conversazioni filosofiche e alla creatività. Ma la “comunirà intellettuale” che Lou Salomé sogna, con suo grande rammarico, semplicemente non si materializza. In primo luogo, coloro che li circondano si rifiutano di credere nella moralità di questa strana unione, a loro avviso, “innaturale”.

Lou von Salomé nel 1897

La madre di Lou, Madame Salomé, secondo i ricordi della ragazza, era pronta a chiamare tutti i suoi figli per aiutarla a tornare nella sua nativa Pietroburgo, “viva o morta”, e anche Frau Malvida, che aderiva a opinioni libere, era piuttosto scioccata. In secondo luogo, il problema principale erano gli stessi partecipanti al triangolo: entrambi gli uomini si innamorarono della loro bellissima compagna e presto iniziarono, apertamente o segretamente, l’uno dall’altro, a farle proposte di sesso e di matrimonio, a essere gelosi e persino a usare stratagemmi.

La stessa Lou Salomé non prestava attenzione a queste “passioni inferiori”. E se il francese Paul Rée riuscì a resistere adeguatamente al suo rifiuto di sposarsi e fece i conti con la prospettiva di rimanere solo amici, il tedesco Nietzsche non poté sopportare questo colpo al suo orgoglio e presto interruppe completamente la relazione con lei. Tuttavia le inviò una serie di lettere piene di rimproveri e brutti attacchi. Lei resistette alla sua pressione, riuscì a convincerlo che se lo avesse sposato avrebbe perso il sostegno della sua famiglia, e che lui era troppo povero perché potessero vivere insieme…

Nel 1886, la vita della venticinquenne Salomè prese una svolta inaspettata che, né l’ambiente di allora né i suoi futuri biografi riuscirono a spiegare: la ragazza, con orrore di tutti i suoi ammiratori e con gioia della madre disperata, divenne la moglie di Friedrich Karl Andreas, professore al Dipartimento di Studi iraniani dell’Università di Berlino, specialista in lingue orientali con un reddito più che modesto. È profondamente innamorato di lei e all’inizio lei lo rifiuta categoricamente. Poi, una notte tardi, senza esitazione, l’uomo profondamente innamorato afferra un coltello da cucina e se lo conficca in modo spettacolare nel petto davanti a una sbalordita Lou!

Ella corse tutta la notte d’inverno a Berlino, dove si trovano in quel momento, per cercare un medico. Nonostante non riesca a trovare un medico, riesce ad aiutarlo e, inaspettatamente, anche per se stessa, accetta di diventare sua moglie. Ma a una condizione: il loro matrimonio dovrebbe essere asessuato, solo platonico! Andreas lo accetta, sperando che la sua soluzione sia temporanea. Ma si scopre che, sebbene fosse un uomo intelligente, avesse torto. Sottovalutava seriamente la forza di carattere della sua prescelta: durante tutti i 43 anni di matrimonio non avrebbero avuto un solo contatto sessuale.

Ma la situazione si rivela comunque interessante. Durante tutti quegli anni, Lou Salomé visse numerose storie d’amore e il suo marito legale, Andreas, ebbe una figlia dalla loro governante Maria Stephanie nel 1905. La governante morì di parto e anche la bambina si chiamerà Maria, e Lou la adotterà; poi figlia illegittima di suo marito, diventerà la sua fedele compagna e, in vecchiaia, devota nutrice!

Il grande vero amore di Lou Salome era il poeta Rilke. All’età di 36 anni, Lou Salomé, già famosa e acclamata scrittrice, i cui articoli in prosa e scientifici furono pubblicati dalle principali testate europee, incontrò Rainer (René) Maria Rilke, un poeta innovativo ancora poco conosciuto ma di grande talento, di quindici anni più giovane di lei.

Rainer Maria Rilke nel 1900

“Ci siamo incontrati in pubblico, poi abbiamo preferito la vita da single a tre, dove avevamo tutto in comune” – Salome descrive questa strana unione nelle sue memorie. “Rainer ha condiviso con noi la nostra umile vita a Schmargendorf, non lontano da Berlino, vicino alla foresta, e quando camminavamo a piedi nudi attraverso la foresta, questo ce lo ha insegnato mio marito! I caprioli si sono avvicinati fiduciosi a noi e hanno infilato il naso nelle tasche dei nostri cappotti per cercare cibo…”
Si separerà dal poeta dopo quattro anni, ma come amici continueranno a corrispondere attivamente fino alla morte del poeta nel 1926. Per tutta la vita, affermerà che senza Lou Salomé non avrebbe mai potuto trovare la sua strada creativa.


Nel 1911, ad un congresso di psicoanalisti a Weimar, la cinquantenne Lou Salomé incontrò Sigmund Freud e presto divenne uno dei suoi allievi più vicini. Dopo diversi anni di formazione attiva, Louisa Salomé fu una delle prime psicoanaliste praticanti di successo. Aprì persino un ufficio nella sua casa vicino a Gottinga, in Germania, e trascorse 10-11 ore al giorno con i suoi pazienti. È interessante notare che lei stessa, per tutta la vita, si rifiutò ostinatamente di partecipare alle sedute psicoanalitiche come paziente. E il dottor Freud, che credeva che un’esperienza del genere fosse obbligatoria per ogni psicoanalista praticante, perdonò la sua amata studentessa per la sua tenacia.

Lou Salomé rimase fedele alla psicoanalisi fino alla fine della sua vita, anche se ciò si rivelò piuttosto difficile: l’ascesa del nazismo in Germania fu segnata da un forte attacco alla psicoterapia in generale e a lei stessa, personalmente. La sorella minore di Nietzsche, Elisabeth, che odiava fortemente Lou Salomé a causa della sua relazione con il fratello, la denunciò per “aver pervertito gli insegnamenti del grande filosofo” e per essere di origine ebraica.

Ma la testarda Salomé riuscì comunque a far fronte alla sua calunniatrice. Ha quindi dimostrato che Elisabeth Nietzsche aveva falsificato un’edizione delle opere di suo fratello. Iniziò la persecuzione degli ebrei dalla Germania. Le autorità, però, chiesero a Lou Salomé di emigrare dal Paese. Tuttavia, fedele al suo carattere, rifiutò categoricamente e rimase nella sua casa vicino a Gottinga, dove morì il 5 febbraio 1937, prima di compiere 76 anni.

—————————————————-

Versione originale in lingua bulgara: https://cafearte.bg/liy-salome-and-her-lovers/

Sabato, 21 ottobre 2023 – n°42/2023

In copertina: Louise von Salomé

Condividi su: