giovedì, Luglio 18, 2024

Notizie in breve

Jin Jiyan Azadî

Un cambio di paradigma sociale

Redazione TheBlackCoffee

Da quasi mezzo secolo le donne del Movimento di liberazione curdo si sono messe in marcia con l’intento di trasformare se stesse e la società dominata dagli uomini; una lotta che è sfociata, nel 2012, nella Rivoluzione nel nord-est della Siria, dove, nonostante i continui pesantissimi attacchi con bombe e droni e l’occupazione coloniale dello stato turco, prosegue un processo di vero e proprio cambio di paradigma sociale.

Lo slogan Jin Jiyan Azadî, conosciuto in tutte le piazze del mondo in seguito alle rivolte in Iran e nel Rojhilat (Kurdistan iraniano), è la sintesi di questa lunga marcia ed è la chiave per affrontare in termini ideologici, filosofici e pratici i problemi sociali che permangono nelle società patriarcali.

Quali sono i fattori che hanno permesso al Movimento delle donne curde di assumere un ruolo chiave nella rivoluzione in atto? Qual è il livello di organizzazione che le donne curde hanno raggiunto in tutti i settori della vita? E quali sono il rapporto e la relazione sociale tra Abdullah Öcalan, leader del popolo curdo in isolamento in carcere da 25 anni, che ha dato un grande contributo teorico alla questione della liberazione della donna, e il Movimento delle donne curde?

Gli interventi previsti nella conferenza, che riunirà accademiche, giuriste, giornaliste e attiviste italiane e curde di diversa provenienza professionale, vogliono dare una risposta a queste domande.

La conferenza avrà inizio alle 9.00 e si concluderà alle 18.30 ed è aperta a tutt*.

Sabato, 3 febbraio 2024 – Anno IV – n°5/2024

Condividi su: