martedì, Aprile 23, 2024

Notizie dal mondo

Il governo di Javier Milei

Un presidente di diritto diventato amico della casta politica

di Malena Lenta

L’arrivo di Javier Milei alla presidenza dell’Argentina ha avuto un enorme impatto sia all’interno che all’esterno
del Paese. La sua autodefinizione di anarco-capitalista o libertario, e il dirompente discorso anti-casta e
più mediatico che politico, hanno sorpreso per la rapida crescita fino all’ arrivo al vertice del potere. Tuttavia,
lungi dal rappresentare la speranza di risolvere i problemi economici, politici e sociali dell’Argentina, a quasi
due mesi dall’inizio del suo governo, le sue azioni riflettono il contrario.

Vediamo perché.

Oltre a formare un Governo con una delle principali avversarie nella corsa elettorale, Patricia Bullrich, da lui
definita rappresentante della casta e della vecchia politica, ha completato il suo squallido gabinetto con
vecchi funzionari del governo peronista di Menem degli anni ’90 e anche dell’ultimo governo di Alberto
Fernández, oltre ad altri funzionari di partiti tradizionali. Ma questo è stato solo l’inizio.

Le sue prime misure sono consistite nel varare un protocollo repressivo per criminalizzare il diritto di
protestare, violando i principi fondamentali dei diritti umani. Subito dopo, ha approvato un decreto di
necessità e urgenza (DNU) che dovrebbe promuovere una riforma del lavoro che distrugge i diritti, così
come altre misure che aumentano le tasse per i settori più poveri, condonando debiti milionari agli uomini
d’affari amici.

E poco dopo ha inviato al Congresso nazionale la cosiddetta “Legge Omnibus” al fine di ottenere,
paradossalmente, poteri straordinari per privatizzare aziende, vendere terreni demaniali, distruggere
organizzazioni per la promozione della cultura, della scienza e dell’istruzione pubblica, oltre che delle
economie regionali, tra centinaia di abrogazioni di norme che hanno intenzione di non discutere.

Così, mentre il presidente su Twitter e sugli altri social network si spaccia per un innovatore, stringe accordi
con i vecchi partiti politici tradizionali per co-governare contro i settori popolari.

Ebbene, mentre tutto questo avviene nelle alte sfere, l’inflazione esplode – ha raggiunto il 25,5% nel solo
dicembre 2023 – gli stipendi vengono congelati, le tariffe dei trasporti aumentano, gli affitti vengono
sbloccati, i licenziamenti aumentano e i finanziamenti alle mense popolari vengono sospesi.

Né dobbiamo dimenticare l’attacco deliberato del “libertario” Milei e del suo Governo ai diritti delle donne e
degli oppositori, che è stato ascoltato nel suo discorso al Forum di Davos e in altre occasioni. Oltre a chiudere
e denigrare il Ministero delle Donne, del Genere e della Diversità come primo atto di governo, si è già espresso
con forza contro il movimento femminista e, in particolare, contro il diritto all’aborto. Propone la libertà
d’impresa, la vendita dei propri organi, ma non che le donne e chiunque possa decidere del proprio corpo. Con
questo semaforo verde, molti dei suoi funzionari hanno annunciato che cercheranno di abrogare nei prossimi mesi la legge 27.610 sull’interruzione volontaria di gravidanza, ottenuta nel 2020 dopo un decennio di lotte.

Non è un caso che questo governo abbia scelto il motto “Anno della difesa della vita, della libertà e della
proprietà” per tutta la documentazione ufficiale del 2024. Si tratta, senza dubbio, di una dichiarazione che
mostra le dure intenzioni contro i lavoratori, le donne e gli oppositori, benché oggi nutra le aspettative di una
parte della società stanca della vecchia politica.


Tuttavia, anche la resistenza cresce e si organizza. Infatti, un giorno dopo la stesura di questa nota, la Legge Omnibus non è stata approvata.

Sabato, 17 febbraio 2024 – n°7/2024

In copertina: Alberto Fernández consegna a Javier Milei il bastone presidenziale durante la cerimonia d’insediamento, 10 dicembre 2023Foto: https://www.senado.gob.ar

Condividi su: