sabato, Aprile 20, 2024

Cultura, Teatro & Spettacolo

Bulgaria: March Music Days 2023

Festival internazionale di musica classica di Ruse

di Cafe Arte – traduzione di Katya Libyahowska

Il 16 marzo, nella città danubiana di Ruse, Dohodno Zdanie, il Ministro della Cultura della Bulgaria e il Maestro Nayden Todorov, hanno inaugurato la 62a edizione del tradizionale Festival internazionale “March Music Days”.

Il Festival si è aperto con la prima mondiale del balletto “Calliope”, in un concerto eseguito dall’orchestra dell’Opera di Stato di Ruse.

Il March Music Days International Festival è uno dei palchi più antichi e rinomati della Bulgaria, un Festival con una strategia di programma moderno e un’alta valutazione del pubblico. Fondato nel 1961 e organizzato dal comune di Ruse, ogni anno il Festival trasforma la città di Ruse, la capitale danubiana della Bulgaria, in un luogo d’incontro per artisti d’élite della scena musicale mondiale ed europea.

Artisti famosi provenienti da tutto il mondo hanno condiviso il palcoscenico del festival a Ruse: D. Shostakovich, S. Richter, K. Mazur, G. Rozhdestvensky, V. Neumann, Yu. Temirkanov, S. Sondeckis, S. Costa, M. Stockhausen , Sir N. Marriner, Y. Bashmet, G. Kremer, M. Maisky, K. Penderecki, D. Sitkowiecki, P. Galois, Jordi Saval, Sharon Cam; orchestre della classe della Filarmonica di Bucarest, dell’Orchestra della Radio di Bucarest, della Filarmonica Lituana, dell’Orchestra Bruckner di Linz, dell’Orchestra da Camera di Parigi, della Filarmonica PKF di Praga, del Coro Arnold Schoenberg, della Sinfonica di Varsavia, della Kremerata Baltica, nonché gli Hilliard Ensembles, The King’s Singers, I Musici di Roma, Israel Contemporary String Quartet, Il Giardino Armonico con Giovanni Antonini, The Venetian Baroque Orchestra.

Il Festival oggi risulta un’importante piattaforma per stimolare musicisti giovani e talentuosi provenienti da tutto il mondo e per un dialogo reale e attivo tra artisti con diversi background artistici e culturali.
Il Festival ha ricevuto la prestigiosa etichetta internazionale European Festival nell’ambito del progetto pilota della Commissione europea e dell’EFA Europe per il Festival per l’Europa del 2020 e il 2021. Nel 2017, il violinista bulgaro di fama mondiale Svetlin Rusev è stato assunto come direttore artistico e consulente del Festival.

March Days Music Festival
Foto: ed. 2022 https://marchmusicdays.bg


Riportiamo qui una conversazione tra il critico musicale Ognyan Stamboliev e la direttrice del March Music Days – Iva Chavdarova.

Ognyan Stamboliev: – Quest’anno celebriamo il 100° anniversario della nascita del suo creatore, il costruttore di Ruse musicale e Bulgaria musicale, il maestro Iliya Temkov (1923 – 2002). Qui vi ricordo che l’idea del festival è venuta dal grande Sasha Popov (1889 – 1976), il padre della cultura sinfonica bulgara, nato nella nostra capitale del Danubio.

Iva Chavdarova: – Sì, in effetti, questi sono già oltre 60 anni di straordinaria storia del Festival, che è il primo Festival internazionale su larga scala del suo genere, con un focus sulla musica sinfonica e cantata e di oratorio in Bulgaria. Tale è il concetto originale dei fondatori, Iliya Temkov e Sasha Popov, da loro sostenuto per anni, grazie al quale il Ruse International Festival è stato per decenni una prestigiosa vetrina della cultura musicale bulgara. Oserei dirlo anche per l’attualità, anche se il trascorrere del tempo ha imposto altri standard e approcci. Ricordo gli Anni ’70 e soprattutto gli Anni ’80: una nuova tappa nella storia del Festival. Per me, in questo periodo, inizia il vero dispiegarsi del Festival in termini di struttura, repertorio, e anche in senso prettamente geografico.

O.S.:- Visibile in quel momento era l’intensa saturazione dei programmi con grandi tournée orchestrali dall’Unione Sovietica, Polonia, Germania dell’Est, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Austria e molti altri.

I.C.:- Musicisti famosi come Rudolph Barshai, Ondrej Lennard, Djord Lechel, Karol Stria sono stati tra i volti del Festival. Questo stesso periodo è stato caratterizzato anche da una serie di anteprime bulgare e mondiali, la maggior parte delle quali sono state eseguite dalla Ruse’s Philharmonic. Si può dire molto sull’eccezionale ruolo del maestro Alipi Naydenov come direttore principale della Filarmonica in quel momento – noto per le sue incredibili scoperte di repertorio e prime bulgare, tra cui l’esecuzione della cantata “Ivan il Terribile” di Prokofiev, il violino nella Serenata di Bernstein, archi e percussioni con il grande Georgi Badev, la V sinfonia di Gia Kancheli, tutti titoli seri e potenti che hanno apportato un alto valore aggiunto allo sviluppo del Festival. Tuttavia, gli Anni ’90 del XX secolo hanno aperto il Festival in modo ancora più categorico all’Europa e al mondo.

O.S.:- Quali saranno le anteprime del Festival?

I.C.:- La serie di anteprime del Festival include anche la prima mondiale del Concerto per orchestra di Emil Tabakov – una commissione speciale per il 35° anniversario del festival, le anteprime della sua nona e decima sinfonia, nonché la prima mondiale della Sinfonia n. 4 “Nirvana “ di Vasil Kazandzhiev e alcuni dei suoi ultimi quartetti d’archi. La prima mondiale dell’attraente commedia madrigale “Vita da strega” di Bozhidar Spasov merita un’attenzione particolare, così come la prima registrazione bulgara del famoso Concerto per viola e orchestra di Alfred Schnittke.

O.S.:- Partiamo dai dati più importanti per l’organizzazione di quest’anno. Il numero di concerti, di musicisti, di prime esecuzioni….

I.C.:- Questa edizione del Festival offre un totale di 27 eventi, bilanciati da sette programmi orchestrali, 11 programmi d’insieme, due spettacoli d’opera, un concerto corale e sette eventi di accompagnamento, incluse mostre, una performance visivo-musicale e una presentazione del libro di Lazar Nikolov “Tale of Experience”. Il ritmo del Festival è estremamente intenso, ed offre una grande varietà di progetti di generi e repertori diversi.

O.S.:- Quali sono i momenti salienti e gli anniversari?

I.C.:- Parte del programma è dominato da autori come Brahms, Rachmaninov, Prokofiev, Lutoslavsky, Bernstein, i cui anniversari sono ampiamente celebrati nei festival e nei palchi dei concerti di tutto il mondo. Il repertorio del Festival è piuttosto vario e copre praticamente un arco temporale estremamente ricco di autori e opere, alcune delle quali sono prime assolute per il Festival e per la Bulgaria. L’apertura del Festival è con la prima mondiale della musica per il balletto “Calliope” di Emil Tabakov con l’Orchestra dell’Opera di Stato di Ruse, diretta dall’autore. A Ruse il 20 marzo, puoi anche ascoltare la prima del Concerto per strumenti a percussione e orchestra di O. Kruzent, eseguito dall’irresistibile Vivi Vasileva e dalla BNR Symphony Orchestra diretta da Mark Kadin. Una prima del Festival ci attende nel concerto Quartetto d’archi “Frosh” con la prima esecuzione del Nono Quartetto d’archi di Vasil Kazandzhiev.

O.S.:- Quest’anno ci sono due anteprime d’opera, entrambe con titoli bulgari: “Summer 893”, un classico dell’opera bulgara di Parashkev Hadjiev, la cui prima produzione nel nostro Paese fu realizzata con grande successo proprio in Ruse per il Festival del 1973; la seconda è “Chichovtsi” di Lazar Nikolov, creatanello stesso periodo e proposta dall’autore per la riproduzione in Ruse, ma fermato dalla censura nel nostro Paese…

I.C.:- Con grande impazienza, il pubblico del Festival di Ruse attende le due anteprime “Summer 893” di P. Hadjiev alla Ruse Opera – diretta da Vladimir Boshnakov, e il regista Beykov – e la sensazionale ultima produzione dell’Opera di Plovdiv “Chichovtsi”, che avrà la sua seconda prima assoluta in Ruse sotto la direzione di P. Balev, e direttore musicale Dr. Yosifov.
Attendiamo anche con impazienza la prima della famosa composizione di A. Schnittke nel programma della Ruse Festival Orchestra e del Maestro Emil Tabakov – con “Gogol”, la suite di Alfred Schnittke. Un programma completamente in anteprima ci aspetta il 19 marzo, nel cosiddetto concerto americano del famoso pianista tedesco , in collaborazione con la talentuosa violinista Jana Gottheil, in un programma appositamente selezionato di autori americani intitolato “Trans Atlantik” e musica dell’ampia gamma da George Gershwin a Philip Glass.

O.S.:- Ci sono state grosse difficoltà nella stesura del programma, vista la pandemia, la guerra, la crisi globale e soprattutto il budget estremamente limitato? Un Festival simile si tiene nel nostro vicino Nord, ma il budget è decine di volte maggiore. Là, il budget per la cultura è cinque volte più grande del nostro – lo 0,4% contro il 2%…

I.C.:- Le risorse sono davvero limitate, ma anche il tempo è piuttosto complicato. Ancora più importante, abbiamo un partner molto serio nel Ministero della Cultura. È anche importante che per il Festival, il Comune abbia stabilito contatti e interazioni permanenti con aziende, banche e altri rappresentanti delle imprese, che sono particolarmente importanti non solo per il finanziamento della manifestazione, ma anche per l’ampia base sociale ed economica su cui si basa che il Festival ha sviluppato negli ultimi anni. Da anni intratteniamo una proficua collaborazione con l’Opera di Stato di Ruse; NUI “Prof. V. Stoyanov”; Ruse Art Gallery; OP Ruse Art. Mentre i principali media partner del Festival sono BNR, che registra tutti i concerti del programma e trasmette direttamente alcune delle produzioni sul palco. Importanti media partner sono anche BTA, Radio Ruse, RTVC – Ruse, TV1, Live7 TV.

O.S.:- Negli ultimi 30 anni il pubblico giovane nel nostro Paese è notevolmente diminuito, per una serie di motivi. In questo programma cosa si prevede per loro?

I.C.:- Cerchiamo di attirare i giovani con i cosiddetti progetti incrociati. Anni fa, la rassegna “March Junior Music Festival” era estremamente produttiva e attraente per il pubblico giovane, all’interno della quale quest’anno proponiamo tre delle produzioni concertistiche.

Testo in lingua bulgara: https://cafearte.bg/march-music-days-ruse/ – Cafe Arte, partner ufficiale.

https://marchmusicdays.bg/en

Sabato, 18 marzo 2023 – n°11/2023

In copertina: March Days Music Festival – Foto: ed. 2022 https://marchmusicdays.bg

Condividi su: