martedì, Maggio 17, 2022

Società

Bambini privati ​​del loro ambiente familiare a causa del conflitto armato in Ucraina

Protezione transfrontaliera e adozione internazionale

di Nancy Drew

Gli sfollati dall’Ucraina risultano 4,3 milioni. La metà circa sono bambini o minori. Di questi 100 mila sono orfani portati al sicuro dalle strutture pubbliche, potenziali obiettivi bellici.

In un conflitto armato internazionale come quello in corso in Ucraina, molti bambini vengono separati dalle loro famiglie, perdendo la protezione fondamentale che queste forniscono e ritrovandosi senza le necessità di base, come riparo, cibo e acqua, nonché senza accesso all’istruzione. Molti bambini sono costretti a lasciare le loro case e il loro paese, o possono essere trasferiti in un luogo più sicuro.

In tali situazioni, la preoccupazione principale sui bambini, mentre vengono sfollati o spostati oltre confine, dovrebbe essere la loro sicurezza. I bambini senza cure parentali sono maggiormente a rischio di violenza, sfruttamento, adozione illegale, rapimento, vendita o traffico di minori. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e le linee guida per l’accoglienza alternativa dei bambini – approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite – stabiliscono principi chiari per proteggere tutti i bambini privati ​​del loro ambiente familiare, con disposizioni speciali per la protezione e l’assistenza temporanea o permanente anche in situazioni di emergenza come un conflitto armato.

La Convenzione sull’adozione HCCH del 1993 e la Convenzione sulla protezione dei minori HCCH del 1996 forniscono anche un quadro importante per la protezione dei bambini in tali situazioni di emergenza. In caso di conflitto armato, l’attenzione dovrebbe essere rivolta a misure di protezione dell’infanzia diverse dall’adozione; la Convenzione sulla protezione del bambino del 1996
– e non la Convenzione di adozione del 1993 – è quindi più adatta a proteggere
i minori in tali situazioni.

In una Nota Verbale del 9 marzo 2022, l’Ambasciata dell’Ucraina nel Regno dei Paesi Bassi
ha informato il Ministero degli Affari Esteri del Regno dei Paesi Bassi della sua “incapacità di garantire l’adempimento da parte ucraina degli obblighi previsti dai trattati di HCCH – di cui l’Ucraina è parte – per il periodo di aggressione armata, e per la Protezione dei bambini sfollati a livello internazionale dall’Ucraina.

Per quanto riguarda i minori non accompagnati e separati sfollati a livello internazionale dall’Ucraina, il HCCH 1996 Convenzione sulla protezione dell’infanzia, di cui l’Ucraina è parte contraente, costituisce un importante complemento ad altri strumenti globali e regionali relativi alla protezione dei minori, compresi quelli che si occupano di migranti non accompagnati e separati e di minori richiedenti asilo. Maggiori informazioni sull’applicazione della Convenzione sulla protezione dell’infanzia del 1996 ai non accompagnati e i bambini separati è disponibile qui.


I bambini che sono separati dai genitori in situazioni come quella in Ucraina non possono essere considerati presunti orfani e/o bisognosi di adozione. Fino a quando il destino dei genitori o di parenti stretti del bambino possono essere verificati, ogni figlio separato deve essere considerato come avente parenti ancora in vita o tutori legali e, quindi, non necessitante di adozione. Ciò include i primi 100.000 bambini, la metà di loro con disabilità, che vive in istituti di accoglienza e collegi in Ucraina – come riportato dell’UNICEF.

Le adozioni dovrebbero sempre essere effettuate nell’interesse superiore del minore, nel rispetto dei suoi fondamentali diritti e, quindi, in linea con la Convenzione di adozione del 1993. Questa Convenzione mira anche alla protezione dei bambini e le loro famiglie da adozioni illegali, irregolari, premature o mal organizzate all’estero.

Anche se l’Ucraina non è parte della Convenzione di adozione del 1993, tutti gli Stati riceventi dovrebbero applicarla come standard di tutela quando si coopera con l’Ucraina, in virtù delle conclusioni e raccomandazioni confermate nelle riunioni della Commissione speciale. Inoltre, tutti gli Stati – indipendentemente dal fatto che siano parte della Convenzione di adozione del 1993 o meno, dovrebbe osservare particolare cautela al fine di prevenire irregolarità in relazione a eventuali adozioni internazionali di bambini rifugiati o minori che siano sfollati a livello internazionale a causa di disordini nei loro Paesi, o per conflitto armato. Lo sforzo per riunire un bambino sfollato con i suoi genitori o familiari in situazioni provocate da armi il conflitto deve avere la priorità – Come da raccomandazione HCCH sui bambini rifugiati del 1994.

In una situazione di emergenza come un conflitto armato, i servizi di assistenza all’infanzia e di protezione non possono essere non protetti. Pertanto, i rischi di pratiche illecite nell’adozione internazionale sono maggiori in quanto può essere molto difficile o impossibile garantire che le adozioni si svolgano secondo le garanzie e le procedure della Convenzione di adozione del 1993, nonché la legislazione nazionale. Questo diventa ancora più importante, come ha indicato l’Ucraina che non può garantire l’adempimento dei suoi obblighi derivanti dal trattato alla luce della attuale
situazione.
Questa cautela mira a evitare una situazione in cui il bambino venga collocato ingiustamente verso la prospettiva di genitori adottivi, e dove il processo di legame e integrazione inizia, ma poi deve essere chiuso perché emergono ostacoli legali o irregolarità. Una situazione del genere ha il potenziale per arrecare grave pregiudizio al benessere del minore, della famiglia di origine e del potenziale adottivo dei genitori.

Alla luce di quanto sopra, in una situazione di conflitto armato, il medesimo non dovrebbe essere utilizzato come giustificazione per accelerare le adozioni internazionali, o per aggirare o ignorare gli standard internazionali e le garanzie essenziali per un’adozione sicura; le procedure di adozione dovrebbero essere vietate. Come osserva l’UNICEF, “l’adozione non dovrebbe verificarsi durante o immediatamente dopo le emergenze”.

https://www.hcch.net/en/instruments/specialised-sections/child-protection

Sabato, 2 aprile 2022 – n° 14/2022

In copertina: minori sfollati – Immagine: Onu Italia

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi