sabato, Marzo 02, 2024

Letteratura

Al presente, tutto

Il senso della rivolta come atto di resistenza

di Alberta Candio

28 giugno 2009, Honduras. Un gruppo di militari fa irruzione nella casa del presidente Manuel Zelaya e lo costringe all’esilio in Costa Rica. È il primo atto del colpo di stato organizzato dalla Corte Suprema con l’appoggio della gerarchia della chiesa e della borghesia del Paese.

La Storia, quella con la S maiuscola, la narrazione dei fatti e dei vincitori, la troviamo nei libri di scuola. Quella, invece, con la s minuscola, quella che passa attraverso il vissuto e il corpo delle persone, la storia minima come la chiama qualcuno, è un racconto che ci viene spesso negato.

In questo caso è Luca Giuman a darci il privilegio di vedere con gli occhi di altri cosa accade, e lo fa nel suo ultimo libro: Al presente, tutto – edito da Il Ciliegio e uscito in Italia nel novembre 2023.

In questo romanzo, il terzo dell’ autore, il protagonista è Davide, un italiano funzionario delle Nazioni Unite che si trova a lavorare in Honduras proprio nei giorni del golpe. Ed è attraverso di lui che incontriamo la famiglia Morales, quattro fratelli molto diversi l’uno dall’altro e ognuno, a modo suo, partecipe chi da protagonista chi ai margini, della rivolta.

La trama è un cerchio che si apre e chiude, con Davide e che nel mezzo porta il protagonista a interrogarsi non solo su quello a cui assiste, ma anche su se stesso, sulla propria indole sopita, sul proprio ruolo in quello che sta vivendo da occidentale in una terra non sua. Al contempo Davide è un uomo diviso fra due amori diversi: per Esther, giornalista che sposa la causa della rivolta, e Gabriela, figlia invece di quella borghesia che appoggia il golpe. Quante domande troveranno risposta e quante certezze verranno minate?

Luca Giuman è nato a Venezia nel 1982, da vent’anni vive e lavora in Sud America, ed è una terra che ama e che conosce. L’ amore si sente vivido in quello che scrive, con il suo stile denso, dettagliato e al tempo stesso pacato e in grado di pennellare l’ immaginario del lettore.

A margine, vi dirò che Luca è un amico da molti anni, un uomo dal cuore immenso e dagli occhi buoni, gli stessi occhi con cui legge il mondo e ce lo riporta attraverso le pagine dei suoi libri.

Foto: ©Luca Giuman (tutti i diritti riservati)

Sabato, 6 gennaio 2024 – Anno IV – n°1/2024

In copertina: Foto: ©Luca Giuman (tutti i diritti riservati)

Condividi su: