venerdì, Dicembre 09, 2022

Notizie in breve

A proposito di #sovranità_alimentare

redazione di TheBlackCoffee

In seguito alla creazione del Ministero dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare da parte del nuovo Governo, ecco il Comunicato diffusa da ARI – Associazione Rurale Italiana, nodo italiano di Via Campesina Internazionale – per fare chiarezza sull’intervento di Giorgia Meloni all’assemblea di Coldiretti del primo ottobre scorso.

Sabato primo ottobre a Milano presso il Coldiretti Village la presidente del consiglio in pectore Giorgia Meloni ha fatto la sua prima uscita pubblica dopo aver vinto le elezioni politiche di domenica 25 settembre.

Durante la chiacchierata fatta a beneficio di funzionari e dirigenti Coldiretti e la massa di giornalisti intervenuti a questo evento, sia Giorgia Meloni che i vertici di Coldiretti hanno evocato il concetto di “sovranità agroalimentare” come orizzonte politico da perseguire per la difesa dell’Agricoltura italiana.

Questa loro modalità di appropriarsi del termine di Sovranità Alimentare è ingannevole ed in contraddizione con il concetto stesso che La Via Campesina ha proposto nel 1996 ed stato ripreso attraverso il Pianeta da movimenti ed istituzioni.

Per noi contadini e contadine di ARI e de La Via Campesina, di cui siamo parte, la sovranità alimentare è il diritto e dovere di ogni popolo di coltivare in maniera libera cibo per alimentare la propria comunità senza dover sottostare ai diktat dettati dall’agroindustria, dalle ditte sementiere, dalle politiche agricole neoliberali, dallo strapotere di banche e assicurazioni che si accaparrano le terre agricole, dalla cementificazione della terra agricola ad uso civile con opere inutili o ad uso militare con basi e quanti tentano di imporre un modello agricolo industriale.

Sovranità Alimentare si conquista attraverso una lotta popolare che vede nell’agroecologia contadina il suo pilastro fondamentale. Vive del contrasto dell’élite dell’agroindustria che drena miliardi di soldi pubblici distruggendo e annichilendo l’agricoltura contadina, che resta la vera soluzione ai problemi di sicurezza alimentare e sostegno dei lavoratori che nel campo sono i più sfruttati fra tutti i lavoratori dipendenti di questo paese.

La sovranità alimentare non c’entra niente con il sovranismo. Quello di cui parlano Coldiretti e Meloni è una versione 2.0 della autarchia. La nostra è la battaglia contro gli OGM, vecchi e nuovi, non è la “battaglia del grano”.

E’ obbligo di ogni governo prestare attenzione a quello che succede nei campi e nelle stalle della agricoltura italiana di piccola scala, quelle 800.000 aziende che restano l’asse portante dell’agricoltura italiana malgrado lo stato di deprivazione in cui l’agricoltura italiana sta sprofondando.

“Noi non fabbrichiamo cibo, noi lo produciamo”.

Il concetto di #sovranità_alimentare è stato lanciato per la prima volta dal movimento internazionale La Via Campesina, durante la Conferenza internazionale di Tlaxcala, in Messico, nell’aprile del 1996. Il movimento nasce come proposta in contrapposizione al modello neo-liberale del processo di globalizzazione delle imprese, fornendo una chiave per la comprensione della governance internazionale sull’alimentazione e l’agricoltura, ovvero politiche che possano rispondere alle esigenze interne e garantire un cibo sano e sostenibile a tutte e tutti.

Un sistema che valorizzi le economie locali, in cui si privilegi le produzioni agricole di piccola e media scala.

Un sistema alimentare in grado di potenziare le produzioni locali sostenibili.

Immagine grafica: La Via Campesina

Sabato, 29 ottobre 2022 – n° 44/2022

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi