venerdì, Ottobre 07, 2022

Notizie dal mondo

L’insediamento di Gabriel Boric alla presidenza cilena

Il Cile volta pagina

di Nancy Drew

Appena 36 anni, il più giovane Presidente di tutta la storia del continente latinoamericano, Gabriel Boric ha la faccia pulita del giovane studente, già eletto a capo della Federazione degli universitari cileni, durante gli studi di giurisprudenza.

Una carriera politica velocissima, se si considera che a 28 anni era già deputato per il minuscolo partito Convergencia Social (CS), movimento di sinistra facente parte della coalizione Fronte Ampio.

Accolto con entusiasmo al Palazzo de La Moneda, nella capitale Santiago, nel suo discorso ufficiale richiama all’appello tutto il popolo cileno con queste parole: – “Pueblo de Chile, mujeres, niñas, niños y hombres: con ustedes es nuestro compromiso, son protagonistas de este camino que hoy comienza. Seguimos, siempre seguimos ¡Viva Chile!”

E nomina più volte Salvador Allende, il Presidente cileno che fu destituito con il colpo di Stato militare nel 1973, morto in circostanze misteriose durante l’assedio del palazzo presidenziale, violento atto politico che ridefinì la dittatura militare di Augusto Pinochet Dugarte, durata 17 anni.

Boric era stato tra i sostenitori protagonisti delle lunghe e violente proteste popolari del 2019-20, per cui i cittadini cileni scesero per le strade della capitale ed di altre città contro la corruzione politica, il Governo in carica, il liberismo sfrenato e la povertà lavorativa ed economica contestata al Presidente Sebastián Piñera, che portarono infine alla conquista di elezioni per una nuova Assemblea Costituente per sostituire gli articoli della dittatura militare di Pinochet, che ancora è in elaborazione.

Il partito di Boric, che si definisce socialista ed emancipatore, ha soli quattro deputati attualmente all’attivo in Parlamento, ma Boric il 19 dicembre 2021, viene eletto presidente battendo con il 55,87% dei voti – al ballottaggio – sul suo sfidante, il candidato dell’estrema destra del Frente Social José Antonio Kast , che non ha mai nascosto la sua simpatia per l’ex dittatore Pinochet e considerato vicino al Presidente brasiliano Jair Bolsonaro .

È entrato in carica l’11 marzo 2022. https://www.theblackcoffee.eu/il-cile-volta-pagina/

Come da ideologia socialista moderata, Boric promette grandi riforme sociali, dalla sanità pubblica, praticamente insistente nel Paese, alla sostenibilità ambientale, al sostegno dei popoli nativi’.

Immagine ufficiale di Gabriel Boric, Presidente della Repubblica del Cile

Di tendenze più moderate – motivo per cui moltissimi cittadini cileni lo hanno votato – Boric ha già comunicato che non si allineerà alla politica di sinistra venezuelana che sta violando gravemente i diritti umani.

Per approfondire:

https://www.theblackcoffee.eu/i-cileni-hanno-scelto-le-grandi-riforme/

https://www.theblackcoffee.eu/il-cile-lotta-ancora-per-una-vera-democrazia/

Sabato,12 marzo 2022 – n° 11/2022

Il copertina: Gabriel Boric e la squadra di Governo – Foto dal profilo ufficiale di Gabriel Boric

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi