lunedì, Luglio 15, 2024

Notizie dal mondo

La rivoluzione musicale

Come l’intelligenza artificiale sta creando e plasmando un nuovo mercato sonoro

di Cafe Arte

La comparsa di Chat GPT alla fine dello scorso anno ha segnato una nuova era nello sviluppo delle tecnologie digitali e in particolare dell’intelligenza artificiale. Non esegue più solo comandi vocali o converte la voce in testo. Il suo sviluppo è arrivato al punto in cui inizia a creare testi significativi, immagini, fotografie e persino musica. E tutto questo su un determinato argomento.

Pochi mesi dopo il lancio di Chat GPT da parte della società Open AI, abbiamo assistito ad un altro sorprendente evento legato all’intelligenza artificiale: la “clonazione della voce”. La cosiddetta “clonazione della voce” è in realtà il processo di creazione di una voce artificiale basata sulle capacità vocali di una persona reale. Se ti sei mai chiesto come suonerebbe una canzone di Taylor Swift cantata dagli ABBA, grazie a un programma di “clonazione vocale” puoi generare una canzone del genere.

Tuttavia, l’uso dell’intelligenza artificiale nell’industria musicale non è una novità. Sappiamo da anni che varie piattaforme come Spotify e YouTube utilizzano algoritmi che creano playlist personalizzate in base alle preferenze dell’ascoltatore. Ma con l’avvento dell’intelligenza artificiale, che è già attivamente coinvolta nella creazione della musica dalla scrittura e composizione alla produzione, le cose assumono un nuovo aspetto.

Le possibilità che le tecnologie di intelligenza artificiale offrono ai musicisti sono numerose. Dalla rivista musicale americana Billboard ce ne vengono presentati cinque:

  • Facilitare la creazione di canzoni
    L’implementazione dell’intelligenza artificiale nella creazione della musica facilita notevolmente questo processo. Grazie allo sviluppo della tecnologia, oggi qualsiasi artista che non abbia alle spalle una grande etichetta musicale può creare senza nemmeno aver bisogno di uno studio. Programmi come GarageBand, Boomy e BandLab possono generare uno strumento in pochi secondi, in base alle preferenze dell’utente.
  • Scomporre la musica
    Una delle possibilità offerte dall’intelligenza artificiale è la frammentazione della musica. Ciò significa che se vuoi utilizzare la parte strumentale di una canzone, allora grazie a programmi come Audioshake potrai separare la voce dalla parte strumentale, scomponendo la canzone stessa. Ciò sarebbe particolarmente utile per i registi che desiderano utilizzare una parte specifica di una canzone per la colonna sonora, ha affermato Billboard.
  • Diluizione del mercato musicale
    Le nuove opportunità offerte dall’intelligenza artificiale per la creazione e produzione di contenuti di qualità riorganizzeranno le posizioni del mercato musicale. Fino ad ora, la creazione, produzione e distribuzione di musica di qualità è stata principalmente opera di poche grandi etichette, ma le cose sono destinate a cambiare. La possibilità oggi per chiunque di creare, produrre anche senza avere un proprio studio è un dato di fatto, grazie alle tecnologie di intelligenza artificiale. Ciò, a sua volta, porta ad una diluizione del mercato musicale, in cui le etichette non sono più i principali attori.
  • Colonne sonore personalizzate
    Le colonne sonore personalizzate sono la prossima opportunità offerta dall’uso dell’intelligenza artificiale. Billboard scrive che un certo numero di start-up come Reactional Music, Life Score, Minibeats, utilizzano musica già pronta che distruggono. In questo modo, possono creare una colonna sonora personalizzata in base all’umore dell’utente. È un metodo già implementato nei videogiochi, nella realtà virtuale e in alcuni filtri Snapchat.
  • Udienza preliminare
    Le tecnologie di intelligenza artificiale consentono a cantautori e compositori di immaginare come suonerebbe un artista cantando la loro canzone. Questo è uno strumento particolarmente utile in quanto è più economico e più accessibile rispetto alla ricerca di artisti demo con una voce vicina a quella dell’artista a cui è destinata la canzone. Normalmente le major sono interessate a questa possibilità, ma metterebbe a repentaglio il lavoro degli artisti demo.
Immagine di Tara Winst/Pexels

La sua crescente adozione dell’AI nell’industria musicale solleva alcune questioni legali.
Aaron Labbé, della rivista Forbes, ce ne presenta alcuni, usando il caso della canzone “Heart on My Sleeve”. È una canzone interamente generata dall’intelligenza artificiale e cantata con le voci clonate di Drake e The Weeknd. La prima di queste domande è quindi: “Chi possiede i diritti su una canzone generata dall’intelligenza artificiale?” Perché, come chiarisce la seconda frase, Drake e The Weeknd non hanno mai registrato quella canzone, né hanno dato il permesso che le loro voci fossero usate su essa.

La seconda questione legale di cui scrive Labbé ha a che fare con l’unicità delle canzoni stesse. Poiché l’intelligenza artificiale crea musica utilizzando un successo accessibile, solleva la questione della sua originalità.

La liquidazione dei diritti musicali diventa una necessità
All’inizio di agosto la rivista britannica The Guardian scriveva che si stava lavorando sulla concessione di licenze per le canzoni create dall’intelligenza artificiale. All’inizio dell’anno, casi come la falsa canzone di Drake e The Weeknd, di cui abbiamo parlato sopra, hanno attirato l’attenzione delle principali case discografiche proprio su questo problema.

Resta inteso che Universal Music e Google stanno negoziando un accordo per risolvere le questioni legali relative all’uso del cosiddetto “voci clone”, ma i negoziati sono ancora in una fase iniziale.
Lo sviluppo delle tecnologie di intelligenza artificiale sta cambiando dinamicamente il mercato della musica. Dalle possibilità per i piccoli artisti a quelle per le etichette globali, resta da vedere come cambierà la musica che ascoltiamo e le nostre interazioni con essa.

———————————-

CafeArte partner ufficiale: https://cafearte.bg/artificial-intelligence-music/

Sabato, 9 settembre 2023 – n°36/2023

In copertina: immagine di Cottonbro Studio/Pexels

    Condividi su: