martedì, Aprile 23, 2024

Notizie dal mondo

La colonizzazione della Cisgiordania

I coloni e lo Stato israeliano parti dello stesso quadro

Redazione TheBlackCoffee

Da quando è iniziato l’assalto a Gaza nell’ottobre del 2023, decine di migliaia di Palestinesi sono stati uccisi, feriti o dispersi, probabilmente sepolti sotto le macerie delle loro case o dei loro rifugi. Quasi due milioni di Palestinesi a Gaza sono stati sfollati, freddo, sete e fame devastano l’intera popolazione.

Mentre il mondo delibera sugli aspetti tecnici del genocidio e della colonizzazione israeliana della Cisgiordania, l’interruzione della vita palestinese ha solo avuto un’accelerazione.

In concomitanza con il genocidio in corso da parte dell’esercito israeliano a Gaza, i coloni israeliani si sono scatenati sempre più in tutta la Cisgiordania. Hanno alimentato diffuse richieste di vendetta e punizione collettiva e campagne di terrore contro le comunità palestinesi, con conseguente sfollamento forzato di quasi 1.000 residenti da 13 villaggi nelle sole prime quattro settimane successive al 7 ottobre. Dal 7 ottobre al 14 dicembre, anche i coloni della Cisgiordania hanno ucciso 11 palestinesi, compresi 3 bambini, e feriti altri 83.

Ogni volta che i coloni israeliani diffondono terrore in Cisgiordania, i media mainstream insistono nel tracciare una falsa distinzione tra i gruppi violenti e l’esercito israeliano, suggerendo che quest’ultimo ha semplicemente perso il controllo o non è in grado di fermare gli attacchi.

Questa narrazione è stata diffusa all’indomani del pogrom di Huwara del febbraio 2023, ed è analogamente diffusa e impiegata oggi. Tale inquadramento nega una verità fondamentale delle dinamiche in gioco in Cisgiordania con un presupposto falsificato che la missione dell’esercito israeliano sia in contrasto con quella dei coloni israeliani. In realtà, l’esercito israeliano è stato esplicitamente incaricato di realizzare gli obiettivi statali di sostenere il progetto di insediamento e facilitando il trasferimento della popolazione palestinese fin dal 1967. A questo proposito, i coloni israeliani in Cisgiordania sono dei soldati di fanteria ideologici: i loro obiettivi sono quelli del regime israeliano e viceversa.

Non possiamo parlare del movimento dei coloni come separato dai più ampi progetti di colonizzazione sostenuti dallo Stato – come il Piano Allon – le cui linee guida animano ancora oggi gran parte dell’attività di insediamento del regime israeliano. Quindi, coloni, avamposti e colonie non germogliano spontaneamente dal terreno, piuttosto derivano da una politica deliberata di scelte. La maggior parte degli insediamenti sono designati come aree di priorità nazionale, che danno diritto ai loro residenti ad alloggi sovvenzionati, istruzione e altri benefici, per incoraggiare l’accaparramento di terre. Inoltre, quando i coloni vagano per i quartieri palestinesi e bruciano i loro villaggi, vengono protetti e scortati dalle forze di occupazione israeliane. I palestinesi se osano difendersi, l’esercito entra in azione per picchiarli, trattenerli e persino ucciderli.

In un contesto del genere, è farsesco suggerire una distinzione tra violenza dei coloni e violenza dello Stato: sono parte della stessa struttura coloniale e non solo si completano a vicenda ma dipendono l’uno dall’altro. In rare occasioni quando c’è attrito tra coloni e soldati, tale dinamica scaturisce da disaccordi sulle tattiche da adottare per la colonizzazione della Cisgiordania, non l’obiettivo in sé. I coloni in genere incoraggiano una conquista rapida e diretta del territorio, mentre l’esercito segue la politica statale di un approccio più metodico per mantenere una plausibile negabilità di fronte alla sua audience più globale. Ciò può portare a tensioni, poiché i coloni vedono lo Stato come indeciso, mentre lo Stato considera le azioni dei coloni come indiscrete.

Anche se alcuni sostengono erroneamente che i coloni della Cisgiordania rappresentano un gruppo radicale “marginale”, questi godono del sostegno popolare da vaste fasce della popolazione israeliana. La prova di ciò è stata vista in numerose elezioni, come i leader dei coloni hanno raggiunto le più alte sfere dell’establishment politico e ricoprono il ruolo di generali e ministri. Parti dichiaranti che esistono per servire ed espandere il movimento degli insediamenti in Cisgiordania, ora costituiscono parte integrante del Governo di coalizione.

Tali progressi hanno garantito ai coloni ulteriore impunità e privilegi, di cui sono stati oltre 150.000 gli assalti armati che si sono verificati dall’inizio dell’incursione genocida a Gaza il 7 ottobre.

Alla luce della riluttanza dell’amministrazione Biden a esercitare pressioni su Israele affinché cessi il suo sanguinoso attacco a Gaza e il conseguente calo dell’indice di approvazione di Biden, la Casa Bianca si è affrettata ad annunciare il divieto di visto per i “coloni estremisti” in Cisgiordania, un modo per placare la sua base elettorale in vista delle elezioni presidenziali del 2024. Tali misure mirano “dozzine” di coloni e sono progettati principalmente per dare l’illusione che gli Stati Uniti stiano intraprendendo azioni tangibili per proteggere i Palestinesi. La natura performativa di questa azione diventa particolarmente chiara se si considerano che oltre 160.000 coloni in Cisgiordania sono cittadini statunitensi e non vengono influenzati da un simile divieto. Questi squatter statunitensi e i loro i sostenitori sono stati ampiamente documentati come alcuni dei gruppi più belligeranti responsabili della presa di potere su case palestinesi.

Naturalmente, la distinzione fatta dalla comunità internazionale tra gli insediamenti in Cisgiordania e quelli altrove in tutta la Palestina colonizzata è imprecisa fin dall’inizio.

Tutte le comunità israeliane dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo sono state costruite su terra palestinese “rubata”, e i tentativi di legittimare quelle all’interno del territorio del 1948 negano la fondamentale natura coloniale del progetto statale israeliano. Quindi, quando ricordiamo che gli israeliani sono coloni per definizione, la “facciata” della distinzione tra colono e Stato si sgretola e ci rimane solo la lampante realtà che i due sono la stessa cosa.

………………………………………

Fonte originale: Fathi Nimer/Al-Shabaka

………………………………………………………

Sabato, 16 marzo 2024 – Anno IV – n°11/2024

In copertina: illustrazione della città di Gerusalemme dal Monte degli ulivi – John Douglas Woodword (1846-1924) – https://digitalcollections.nypl.org

 


Condividi su: