martedì, Novembre 29, 2022

Italia, Politica

Iuventa: la criminalizzazione del principio di umanità

Migliaia di vite salvate nel Mediterraneo

Gli attivisti della nave Iuventa hanno salvato 14 mila vite nel Mediterraneo. Ora, sono accusati di “favoreggiamento non autorizzato all’immigrazione”

«L’Europa è indifendibile», scriveva Aimé Césaire più di 70 anni fa, riflettendo sulla decadenza di una civiltà la cui storia ha prodotto tanta violenza. Oggi, mentre l’Europa mette sotto accusa il sentimento di umanità, le parole di Césaire risuonano con rinnovato significato.

Il 2 agosto 2017 le autorità italiane hanno sequestrato la Iuventa, una nave tedesca di ricerca dispersi e soccorso in mare. Un gruppo di giovani studenti e attivisti tedeschi, hanno iniziato questo ‘viaggio’ guadagnando le prime donazioni vendendo biscotti e vestiti di seconda mano in un mercatino delle pulci. In seguito hanno aperto un crowdfunding che gli ha permesso di acquistare un vecchio peschereggio operante nel mare del Nord, riallestirlo e fondare una organizzazione registrata in Germania. Tra l’estate del 2016 e il sequestro della Iuventa, sono state salvate più di 14 mila persone che avevano intrapreso un viaggio attraverso il confine più letale del mondo, la rotta del Mediterraneo centrale verso l’Europa.

Alcuni degli attivisti sono ora accusati di “favorire l’immigrazione illegale”.

«Queste accuse si basano sulla testimonianza di un ex agente di polizia che ha lavorato come guardia di sicurezza su un’altra nave di soccorso. Ha agito come spia personale per il leader di estrema destra del partito razzista Lega Nord che sarebbe poi diventato il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini – raccontano coloro che non sono coinvolti nel processo».

Le accuse hanno avviato da allora una lunga campagna di persecuzione da parte dello Stato italiano verso questa Ong che presta soccorso in mare. Prima del sequestro dell’imbarcazione, i Pubblici ministeri avevano autorizzato un’operazione di sorveglianza della durata di un anno. La polizia italiana ha intercettato la nave e ha ascoltato le telefonate tra i giornalisti e le loro fonti. Nemmeno le conversazioni riservate tra gli avvocati e i loro imputati erano al sicuro. Nonostante siano state ripetutamente smentite, le accuse sono rimaste.

Dopo cinque anni di limbo legale, la prima udienza preliminare di questo caso si è svolta sabato 21 maggio nel Tribunale di Trapani. Davanti al giudice sono comparsi alcuni componenti della Ong berlinese Jugend Rettet, scesi in mare a bordo della nave Iuventa. Quattro membri dell’equipaggio Iuventa e 17 ex e attuali dipendenti di Medici senza frontiere e Save the Children sono sotto processo. Se condannati, ciascuno rischia fino a 20 anni di carcere e 15 mila euro di multa per ciascuna delle 14 mila persone salvate.

Gli Stati europei non solo abusano del diritto penale per impedire agli attivisti di salvare persone in mare, ma lo usano anche per terrorizzare le persone in movimento. L’Italia e la Grecia hanno fatto ricorso a processi fittizi per condannare migliaia di persone come trafficanti di esseri umani. In Grecia, i processi contro coloro che sono accusati “hanno una durata media di soli 38 minuti, con una condanna media di 44 anni e multe di oltre 370 mila euro” – scrive la stessa Ong.

Le missioni di soccorso svolte dalla Iuventa sono state coordinate con la Guardia Costiera italiana. Gli equipaggi hanno agito nel pieno rispetto delle indicazioni del Centro Coordinamento Soccorso Marittimo Italiano. «Abbiamo rispettato le regole mentre gli Stati europei continuano a infrangerle a piacimento. Siamo accusati di collaborare con i trafficanti, eppure l’Unione Europea e i suoi Stati membri finanziano, equipaggiano, addestrano e persino coordinano gruppi criminali per fare il lavoro sporco di fermare le barche dalla Libia per loro. La cosiddetta Guardia costiera libica è un insieme di milizie accusate di crimini contro l’umanità, schiavitù, estorsioni e gestione di “campi di concentramento” per la detenzione di persone in movimento. Non c’è stato un solo giorno dal 2015 in cui il diritto internazionale non sia stato violato dall’Unione Europea ai suoi confini. Oggi, anche i politici di sinistra vogliono convincerci che una politica migratoria dell’UE umana è possibile. Non lo è, per due ragioni. In primo luogo, i confini sono costrutti sociali intrinsecamente violenti. I confini sono sempre aperti, ma non per tutti. Quello che stiamo vivendo è una lotta politica sulla permeabilità dei confini. Si tratta di chi ha l’autorità per decidere chi merita di arrivare sulle coste dell’Europa e chi no; chi può vivere e chi è condannato a morire. Il potere di filtrare e segmentare le persone in queste categorie produce sempre violenza e il suo orizzonte ultimo è la prigionia e la morte».

In secondo luogo, i confini europei sono una manifestazione del suo violento colonialismo — passato e presente – sostengono ancora gli attivisti. Le morti e la violenza quotidiana ai confini dell’Europa non sono un incidente, ma una caratteristica fondamentale della politica migratoria dell’UE. Sono il risultato di decenni di decisioni politiche deliberate da parte di politici nazionali e dell’UE. Costituiscono la logica conclusione di un sistema di dominio e discriminazione sostenuto negando ad alcune persone il diritto di muoversi in questo mondo. La potenza europea si manifesta ai suoi confini. Si manifesta nel potere che proietta verso l’esterno costringendo altri Stati a confermare e sostenere linee di divisione arbitrarie – nate nel colonialismo e sostenute dal razzismo – tracciate dai predoni europei assetati di potere nei secoli passati. Non si può astrarre l’odierna crisi di confine dell’Europa dalla sua storia di violenza, conquiste coloniali e schiavitù transatlantica. Le persone che annegano nel Mediterraneo sono solo le ultime vittime della violenta politica di dominio dell’Europa.

«Lo stesso processo Iuventa è anche una riaffermazione del confine. Abbiamo giocato secondo le sue regole ingiuste per salvare vite umane mentre gli Stati europei ostentavano la loro impunità. Mentre sostengono la loro innocenza, il processo costringerà gli imputati a rispettare la logica contorta dell’UE di cosa è legale e cosa non lo è. Gli attivisti sono quelli sotto processo mentre l’Europa ei suoi teppisti picchiano e uccidono le persone in movimento ogni giorno».

«L’Europa è indifendibile» – scriveva Aimé Césaire più di 70 anni fa – ed anche oggi ne avrebbe tutte le ragioni.

https://iuventa-crew.org/case

Sabato, 4 giugno 2022 – n° 23/2022

In copertina: un’operazione di salvataggio di massa nel weekend pasquale del 2017. Photo: Moonbird, Sea-Watch.

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi