venerdì, Luglio 19, 2024

Notizie dal mondo

Impennata di armamenti nucleari globali

Nel 2023, il 13,4% in più: 2898 dollari al secondo

Redazione TheBlackCoffee

Mentre in molti paesi superindustrializzati del mondo, aumentanto le persone povere e gli homeless, come cita il nuovo rapporto di ICAN – la campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari – nel 2023, i nove stati dotati di armi nucleari hanno speso 10,8 miliardi di dollari in più (13,4%) per i loro arsenali nucleari rispetto all’anno precedente; un totale di 91,4 miliardi di dollari, ovvero 2.898 dollari al secondo a favore delle armi nucleari.

Ognuno di questi Ppaesi ha aumentato la spesa per le armi nucleari. Gli Stati Uniti hanno avuto l’aumento maggiore, quasi il 18%. Gli Stati Uniti hanno speso più di tutti gli altri Stati dotati di armi nucleari messi insieme, con 51,5 miliardi di dollari. La Cina ha superato la Russia come secondo maggiore paese “spendaccione”, con 11,9 miliardi di dollari; mentre la Russia è arrivata terza, con una spesa di 8,3 miliardi di dollari.

Nel 2023, le 20 aziende che lavorano allo sviluppo e alla manutenzione delle armi nucleari hanno guadagnato almeno 31 miliardi di dollari per questo impiego, e risultano almeno 335 miliardi di dollari in contratti in sospeso per le armi nucleari, con queste aziende, alcuni dei quali dureranno per più di un decennio.

Nel 2023 sono stati assegnati almeno 7,9 miliardi di dollari in nuovi contratti per le armi nucleari.

Ogni azienda che costruisce armi nucleari esercita influenza su tutto il governo, i think tank e le istituzioni finanziarie. Queste aziende hanno speso 118 milioni di dollari per fare lobbying sui governi degli Stati Uniti e in Francia, un aumento di 11 milioni di dollari rispetto al 2022.

Diverse aziende hanno tenuto più di una dozzina di incontri con funzionari del Regno Unito nel 2023;
due aziende hanno incontrato funzionari del Regno Unito più di 40 volte, e cinque aziende hanno incontrato il Primo Ministro del Regno Unito.

Influenza d’acquisto (Fonte: ICAN)

Dette aziende hanno donato più di sei milioni di dollari ai principali think tank che ricercano e scrivono sulle armi nucleari, e gli attuali ex dipendenti di queste aziende siedono nei consigli di amministrazione dei think tank
e nei consigli consultivi. Siedono anche nei consigli di amministrazione di istituzioni finanziarie che hanno investimenti significativi nelle loro aziende.

L’industria delle armi nucleari acquista “influenza” finanziando think tank, assumendo lobbisti e tenendo riunioni di alto livello con funzionari.

ICAN pubblica il rapporto di analisi annuale sugli armamenti nucleari da cinque anni e in questo lasso di tempo la spesa nucleare globale è aumentata del 34%.

Grafico quinquennale della spesa globale per armi nucleari (Fonte: ICAN)

In mezzo alle enormi spese per finanziare armi di distruzione di massa da parte di una manciata di
Governi, quasi 100 paesi hanno firmato il Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW). Questi governi cercano di rifiutare le armi nucleari e dimostrare un comportamento responsabile in un’epoca di concorrenza catastrofica.

Per un confronto, il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale ha dichiarato nel 2021 che per porre fine alla fame nel mondo, i Paesi potrebbero spendere 40 miliardi di dollari all’anno fino al 2030, ovvero 360 miliardi di dollari in nove anni. Sono 27 miliardi di dollari in meno rispetto a quanto i nove Paesi che detengono armi nucleari hanno speso per i loro arsenali nucleari in soli cinque anni.

Mentre ogni paese ha aumentato la sua spesa nucleare all’anno negli ultimi cinque anni, alcuni sono aumentati a un tasso più elevato di altri. Gli Stati Uniti sono responsabili del maggiore aumento finanziario: 16,1 miliardi di dollari dal 2019 al 2023. Il Regno Unito ha avuto il secondo aumento materiale più elevato di 2,4 miliardi di dollari, seguito dalla Cina con 1,4 miliardi di dollari. In percentuale, il Pakistan ha aumentato di più la sua spesa nucleare, con un aumento del 60% dal 2019 al 2023, ovvero 378 milioni di dollari. Gli Stati Uniti sono arrivati ​​al secondo posto con il 45%, e il Regno Unito al terzo con il 43%. La Corea del Nord ha avuto l’incremento più basso, in termini di dollari e percentuale.

Sabato, 22 giugno 2024 – Anno IV – n°25/2024

In copertina: la prima esplosione nucleare sottomarina, sparo “Baker” dell’Operazione Crossroads (Usa -1946) alle Isole Marshall – Foto: U.S. Army Photographic Signal Corps

Condividi su: